Maltempo, continuano le operazioni di soccorso in Campania

I volontari della Protezione Civile all'opera per mettere in sicurezza le zone colpite

pubblicato il 23/10/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Senza sosta l'opera della Protezione Civile Nazionale nella zona del Beneventano, mentre domani è previsto l'arrivo del Ministro all'Ambiente Gian Luca Galletti, accompagnato dal Capo Dipartimento PC Fabrizio Curcio.


Sono circa duecento gli uomini della Protezione Civile Nazionale che stanno ancora operando nella provincia di Benvento, messa in ginocchio dall'ondata di maltempo del 15 ottobre scorso.

L'attività di soccorso e ripristino ambientale, articolata nel pompaggio delle acque dalle costruzioni, nella pulizia di strade, fabbricati e canali dal fango accumulato – che in caso di peggioramento delle condizioni meteo potrebbe nuovamente porre il territorio in una situazione di pericolo – e nell'assistenza alla popolazione colpita è al momento concentrata nell'Area di Sviluppo Industriale (ASI) di Benevento, al fine di portare la zona quanto prima alla normalità.

Oggi si è verificato il cambio tra la colonna mobile regionale delle Marche con quella del Lazio: 52 tra volontari e tecnici laziali si affiancheranno alle già presenti colonne mobili di Toscana e Umbria e alle colonne delle organizzazioni di volontariato nazionale di Anpas, Ana, Vab e Misericordie d'Italia, ai quali nella giornata si sono aggiunti anche circa sessanta volontari dell'Anc, Mondavi, Prociv-Arci e Anvvf.

Funzionari tecnici della Protezione Civile stanno dando supporto alle strutture locali per le attività di controllo e sopralluogo delle aree colpite per censire il danno subito, necessario alla dichiarazione dello stato di calamità nella provincia, che ha interessato ventisette comuni.

Nella giornata di domani il Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Fabrizio Curcio sarà nuovamente nel Beneventano, per accompagnare il Ministro all'Ambiente Galletti ed esporre il punto della situazione insieme alle autorità locali e i rappresentanti delle istituzioni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password