Lombardia, più sicurezza sui treni diretti a Como

Addetti alla vigilanza a presidio delle stazioni e convogli diretti nel comune lariano

pubblicato il 19/09/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Trenord offre più sicurezza nelle stazioni e sui treni nel Comasco con l'impiego di nuovo personale privato per la vigilanza.

Da questo fine settimana in Lombardia anche i treni diretti a Como saranno coperti dal Security Team di Trenord: addetti alla vigilanza, non armati e identificati da divisa e casacca dell'azienda sorveglieranno le stazioni e viaggeranno sui convogli, per coadiuvare il lavoro dei controllori: miriamo all'effetto sorpresa – afferma l'assessore  regionale alle Infrastrutture e Mobilità Alessandro Sorte e da quando il Security Team è stato attivato abbiamo visto calare l'evasione a bordo dei treni.

Il provvedimento è stato deciso dopo gli episodi di violenza della scorsa estate, per i quali i pendolari hanno chiesto fatti concreti – come ancora ha affermato Sorte.

Ma tutto questo garantirà l'azione necessaria a debellare il problema della sicurezza ferroviaria?

Lo abbiamo chiesto ad Alessandro Cascio, direttore del Demetra Group e Segretario Nazionale APIS (Ass.ne Professionisti Investigazioni e Sicurezza):che i treni italiani abbiano bisogno di maggiore sicurezza a tutela degli utenti è fuori discussione: abbiamo avuto episodi di violenza evidenziati dalla cronaca e la situazione è molto tesa. L'incolumità di passeggeri e controllori è a rischio. Necessitano soluzioni e iniziative idonee.
Ciò premesso
– afferma Cascio -  se da una parte è apprezzabile che alcuni politici locali abbiano assunto provvedimenti dall'altra bisogna stare attenti e coinvolgere semmai soggetti adeguatamente addestrati a gestire scenari del tutto simili a quelli che si innescano in una discoteca.
Quindi occorre fare i conti  con i "poteri" di intervento dettati dalla norma a disposizione degli operatori della sicurezza coinvolti nel progetto: senza strumenti normativi specifici
– conclude - gli addetti ai lavori possono e potrebbero ben poco se non un servizio con valore dissuasivo e deterrente.

La regione Lombardia ha messo a disposizione ben 7 milioni di euro a Trenord per l'impiego di almeno 150 addetti alla sicurezza da impiegare nelle tratte ferroviarie, andando così a garantire oltre alla sicurezza anche un nuovo sbocco lavorativo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password