Abruzzo, la protesta contro le trivelle investe Matteo Renzi

scontri all'Aquila, il Presidente del Consiglio si defila

pubblicato il 26/08/2015 in Attualità da Redazione
Condividi su:
Redazione
foto coordinamento No ombrina

Rabbia, contestazione oggi a L'Aquila contro il proliferare delle trivelle in Adriatico, minimizzate poi ironicamente dal Presidente del Consiglio.

“La manifestazione di ieri a L’Aquila ha confermato la grande indignazione degli abruzzesi verso l’operato del governo Renzi che invece di amare l’Italia e la sua bellezza sta solo difendendo a spada tratta gli interessi dei petrolieri e le loro trivelle”. E’ il commento che si legge in una nota del coordinamento No Ombrina, a margine della protesta di ieri, martedì 25 agosto, a L’Aquila, contro Matteo Renzi.

Il premier, in occasione della sua visita nel capoluogo abruzzese per parlare di ricostruzione, è stato fortemente contestato, tanto da dover ripiegare sull’uscita secondaria ed evitare il giro per vie dell’Aquila, cercando di minimizzare l’accaduto definendo i contestatori “tifosi del Teramo finiti in serie D”...Continua a leggere...

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password