Grecia tra crisi e malnutrizione

Una vera catastrofe umanitaria, tra denutrizione e mancanza di farmaci negli Ospedali

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 29/06/2015 in Attualità da Lorenzo Fantacuzzi
Condividi su:
Lorenzo Fantacuzzi
from web

Siamo ad Atene, nel 2015, una capitale europea, la culla della civiltà ellenica. L'agorà, la democrazia.

Tutto finito. Sembra il medioevo. Negozi chiusi. Strade buie. La Grecia praticamente è fallita.

Se la colpa è di una classe dirigente corrotta. A pagare sono solo i cittadini.

Ovunque ad Atene ci si vedono negozi vuoti e abbandonati, anche nelle zone più eleganti, come via Patission, la più antica delle tre principali vie del centro di Atene.

Sono veramente pochi i lavoratori che ricevono regolarmente lo stipendio. La maggior parte o non lo intasca proprio o lo prende a rate. Le piccole imprese sono completamente sparite dallo scenario economico, non possono accedere al credito e le vendite sono a zero. La fila davanti agli uffici del lavoro per prendere il mandato di riscossione per la disoccupazione è lunghissima. Ma non vi è certezza che poi la banca paghi i 416,00 di sovvenzione.

Per rastrellare un po' più di soldi, dal Ministero delle Finanze hanno istituito una nuova tassa sulla casa, calcolata a metri quadri. L'idea “geniale” è stata di legare l'imposta alla bolletta della luce. Se non la paghi, ti sospendiamo l'erogazione dell'elettricità.


Ai notiziari della TV greca, spesso si intervistano persone in fila per effettuare i pagamenti.         Un signore ha dichiarato alla giornalista: “devo pagare subito 250 euro di tassa sulla casa, di affitto pago 400 euro al mese. Come faccio a vivere con i 150 euro?”

 

Ma c'è un altra grave emergenza  che serpeggia nascosta tra la popolazione. Non si nota subito perché è mascherata dall'orgoglio. I greci sono un popolo fiero ed è difficile fare i conti con la vergogna. Un inchiesta del quotidiano greco”To Vima” ha denunciato il problema “denutrizione”.

Siamo abituati a pensare ai bambini che vivono in Africa, quando pensiamo alla malnutrizione,  invece, questa volta il problema è dietro l'angolo.

Leggendo l'inchiesta scopri la verità di questa emergenza: “Molti ragazzi vengono in classe senza il pranzo e dicono di averlo dimenticato a casa perché si vergognano di dire la verità”.  Dichiarano gli insegnanti.

Duecento casi di bambini in pericolo, denutriti, perché i loro genitori non sono in grado di fornire loro una dieta correttamente bilanciata.

Sempre dal giornale greco: “sono gli stessi  insegnanti  che fanno la fila per prendere un piatto di cibo per i loro alunni che non hanno da mangiare”.   

“Il ministero della pubblica istruzione, che in un primo momento aveva definito la denuncia come “propaganda, si è visto costretto a riconoscere la gravità del problema”.

 

A tutto questo si aggiunge il problema sanitario. I greci non sono in grado più di pagare il ticket sui medicinali. Davanti ai due ospedali aperti dalla ONG: Médecins du Monde, nati per gli immigrati africani, la fila di greci si ingrossa ogni giorno di più. Ma è l'emergenza insulina che preoccupa principalmente. Non se ne trova più in farmacia e le aziende produttrici non la consegnano, visto che il sistema sanitario è al collasso e non paga le fatture.

Un dipendente della casa farmaceutica Roche ha dichiarato al Wall Street Journal che il gruppo svizzero ha interrotto la fornitura di alcuni farmaci anti-cancro, mentre  la Novo Nordisk ha smesso di rifornire gli ospedali greci di insulina.

 

Il problema è grave e tocca tutti noi, non possiamo dimenticarci della Grecia e lasciare che il “sistema” la cancelli.  Siamo tutti greci, siamo tutti chiamati, per dovere morale, a ricordarci di questo popolo e magari imparare da loro, l’orgoglio e  l’arte della democrazia

Il rischio che accada anche a noi non è scongiurato.

 

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password