Il Parlamento Europeo dice si alla famiglia gay

La risoluzione è passata con 341 favorevoli, 281 contrari e 81 astensioni

pubblicato il 10/06/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Il Parlamento europeo raccomanda di rendere più completo e comprensivo il diritto della famiglia e del lavoro. Con questa risoluzione ieri in  Aula a Strasburgo, si è riconosciuta la famiglia gay con 341 voti favorevoli , 281 contrari e 81 astensioni. Il Parlamento europeo sottolinea che occorre rafforzare i diritti delle donne disabili, migranti, appartenenti a minoranze etniche, delle donne Rom, delle donne anziane, delle madri single e dei Lgbti. 

La risoluzione arriva a quattro giorno   dalla manifestazione del Gay Pride prevista da Roma per sabato 13 giugno. Franco Grillini , presidente di Gaynet dichiara:  "Il Parlamento Europeo ha approvato il rapporto sull'uguaglianza di genere in Europa e parla delle famiglie lgbt in modo esplicito facendo riferimento alla 'famiglia gay', Decisamente rilevante e soprattutto utile: come movimento lgbt andiamo dicendo da sempre che quella omosessuale è una famiglia come tutte le altre con le stesse dinamiche e con gli stessi problemi. Ora a riconoscerlo solennemente è proprio l'Europa che chiede anche che le norme in quell'ambito (compresi i risvolti in ambito lavorativo come congedi ecc.) tengano in considerazione fenomeni come le famiglie monoparentali e l'omogenitorialità".

Prosegue Grillini : "il Parlamento Europeo a larga maggioranza ha affermato una volta per tutte l'uguaglianza tra tutte le forme familiari senza distinzione alcuna e proprio per questo quando parliamo di matrimonio egualitario intendiamo che ogni istituto giuridico riguardante le famiglie sia uguale per tutti omo od etero che si sia. "

Grillini conclude affermando che quella di ieri ès tata una grande giornata che ha segnato una indiscutibile vittoria per il mondo gay. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password