Livorno: getta l'acido sul volto di una donna perché ostacolava la sua relazione

Il trentenne è ora ai domiciliari

pubblicato il 25/05/2015 in Attualità da Danilo Di Laudo
Condividi su:
Danilo Di Laudo

LIVORNO – Un altro episodio di violenza contro una donna quello verificatosi nella serata di ieri nella città toscana. Un uomo, un operaio trentenne livornese, avrebbe raggiunto la vittima, una signora di 55 anni, sul posto di lavoro gettandole dell’acido muriatico sul volto. Il motivo di questo insano gesto, secondo i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile di Livorno, sarebbe stata la volontà di ostacolare l’inizio di una relazione tra l’uomo e un’amica della vittima stessa, una donna di trentotto anni.

Sempre in base a quanto emerso dalle indagini, l’aggressore avrebbe, già un anno fa, chiesto aiuto alla vittima per poter cominciare la relazione con la 38enne in questione. Tuttavia, la donna di Castellina Marittima non avrebbe mai corrisposto i sentimenti dell’operaio. Da questo momento sarebbero cominciate le minacce e i primi atti persecutori ai danni delle due donne; nell’arco di quest’anno numerose sono state anche le denunce a carico dell’operaio presentate ai carabinieri.

L’epilogo delle persecuzioni è arrivato nella serata di ieri, attorno alle 22.00 nei pressi di piazza Attias quando il trentenne è entrato nel centro scommesse dove la vittima lavora. Nella sala scommesse, in quel momento era presente anche la donna ‘amata’ dall’operaio il quale non ha perso tempo scagliandosi contro la 55enne e lanciandole addosso dell’acido muriatico colpendola in pieno volto. Gli attimi successivi sono stati concitati visto che l’uomo è fuggito subito a piedi mentre la vittima è stata trasportata immediatamente in ospedale.

I carabinieri, allertati tempestivamente, si sono mossi bloccando l’uomo nella sua abitazione. Una volta trasportato in caserma D.V. queste le sue iniziali, è stato arrestato per lesioni personali aggravate e messo ai domiciliari.

La vittima invece ha riportato un’erosione corneale bilaterale e ustioni di primo grado sul volto, con una prognosi di 25 giorni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password