Foggia, panettiere 55enne uccide la moglie e veglia il corpo

A scoprire l'omicidio sono stati i figli della coppia

pubblicato il 01/05/2015 in Attualità da Lucia Di Candilo
Condividi su:
Lucia Di Candilo

A Foggia un uomo tre o quattro giorni fa ha ucciso la moglie e ne ha vegliato il cadavere fino a ieri sera quando i figli, che non abitano con i genitori, si sono recati nella loro casa e hanno scoperto la tragedia. Hanno cosi' subito allertato le Forze dell'Ordine e convinto il padre a costituirsi nella questura del capoluogo.

Agli agenti Domenico Luciano, panettiere di 55 anni, ha confessato di aver ucciso la moglie Lucia Pompa Palumbo, di 48. Sulla vicenda gli agenti della Squadra mobile stanno indagando mantenendo il massimo riserbo e rifiutando di fornire particolari sui risultati dell'ispezione cadaverica e sulla data presumibile in cui è stato compiuto l'omicidio della povera donna.

L'eventualità che sia stata uccisa il 27 aprile, al termine di una lite per gelosia, non è stata confermata. La salma è stata trasportata nell'obitorio dell'ospedale Tatarella di Cerignola dove nei giorni a seguire, su disposizione del pm della Procura di Foggia, Antonio Laronga, si terrà l'autopsia.

Per ora le ipotesi per l'omicidio sono due: l'uomo avrebbe potuto uccidere la donna colpendola alla testa o strangolandola.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password