Guerriglia urbana a Milano

Sono in corso violenti scontri tra manifestanti e forze dell'ordine

pubblicato il 01/05/2015 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

La polizia  considerava la manifestazione di oggi ad alto rischio e gli agenti erano già in tenuta antisommossa quando un gruppo di incappucciati vestiti di nero , i black block no expo, hanno inziato in piazza Resistenza a lanciare  petardi e  molotov  contro gli agenti che per tutta risposta hanno aperto gli idranti.   Gli incappucciati hanno proseguito comunque con il lancio di fumogeni e molotov contro negozi spaccando vetrine e cassonetti mentre altri gruppi imbrattavano i muri con bombolette spray. 

La manifestazione è partita intorno alle 15 da piazza XXIV Maggio , sono apparsi striscioni e bandiere dei movimento  antagonista, bandiere rosse, no Tav, no Expo, anarchici e militanti de “L'altra Europa con Tsipras”.   I primi momenti di tensione sfociati in guerriglia  si sono verificati in Piazza Resistenza partigiana, dove un gruppo di incappucciati vestiti di nero ha lanciato petardi e bottiglie contro le forze dell'ordine, che in risposta hanno aperto gli idranti. Gli assalitori, respinti dalla polizia, hanno poi proseguito e pochi metri più avanti hanno lanciato molotov e fumogeni contro alcuni esercizi commerciali e spaccato vetrine di negozi. Altri gruppi continuano a imbrattare i muri con scritte fatte con gli spray.

Un gruppo di antagonisti all'angolo tra corso Magenta e via Carducci  dal volto coperto con passamontagna hanno lanciato bombe carta, fumogeni e bottiglie e la risposta delle forze dell'ordine è stata il lancio di lacrimogeni facendoli allontanare.  I  Black bloc   in corso Magenta  hanno tirato su creando  barricate con fioriere e cassonetti dell'immondizia. Al momento alcuni di loro sono isolati dietro le barricate create con le loro stessi mani. Hanno i volti coperti e intorno a loro auto sono in fiamme e due colonne di fumo nero salgono al cielo.

Il Corteo  è stato interrotto a causa dei  fumogeni,  e manifestanti  si sono dispersi nelle vie laterali  mentre chi si trova nella codas è rimasto fermo. Un migliaio i manifestanti considerati pericolosi . I soggetti considerati molto pericolosi provengono dall'estero  e sono arrivati in Italia circa una quindicina di giorni fa.  Hanno trovato accoglienza tramite la  “rete anarchica”  ramificata in tutta Italia.  Molto più violenti dei contestatori  "No Expo"  potrebbero ripetere le azioni violente che misero in atto durante il   il G8 a Genova.   

La sicurezza messa in campo delle forze dello Stato conta 4mila uomini a vigilare sulla manifestazione , 3.796 tra soldati, carabinieri, finanzieri, e poliziotti. Seicento sono operativi da circa quindici giorni vigilando sull'area della manifestazione, gli altri   490 sorvegliano gli obiettivi considerati a rischio.  Perquisizioni e arresti prima dell'inaugurazion e scontro anche nella giornata di ieri condannata da tutte le forze politiche  , sono state un assaggio di quanto di brutto  può accadere  come sta accadendo oggi a Milano.  Attacchi anche informatici con  Anonymous  che sul web ha bloccato per alcune ore la prevendita dei biglietti.

I manifestanti non sono tutti violenti . Questa mattina  un gruppo era presente  ai tornelli dell'ingresso Fiorenza, all'esterno dell'Expo., Giovani antagonisti del centro sociale Fornace e del Movimento No-Expo May Day hanno protestato   mostrando uno striscione ccon su scritto " ll belpaese delle opportunità, un Expo di mafia cemento e precarietà". Il gruppo, ha urlato a gran voce "No Expo, no Expo", è era controllato a distanza dalla polizia.   

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password