Sbarcati 446 migranti al porto di Augusta. 114 subsahariani invece a Lampedusa

Immigrazione: continuano le operazioni di salvataggio in mare

pubblicato il 22/04/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Sono sbarcati oggi 446 migranti al porto di Augusta, nel siracusano. Altri 115 africani sono stati salvati dalla gdf a largo della Libia, mentre 114 subsahariani sono stati portati al porto di Lampedusa a bordo di una nave della Marina Militare. A Salerno si contano 540 migranti somali ed eritrei, tra cui donne incinte e bambini.

È diventata un'emergenza internazionale. Stiamo parlando dell'immigrazione, ci riferiamo alle centinaia di persone che scappano a bordo di gommoni e di pseudo imbarcazioni con lo scopo di scappare dalla fame e dalla guerra. Una nave della Marina Militare, la Bettiga, poche ore fa ha portato 446 migranti in salvo al porto commerciale di Augusta, in provincia di Siracusa.

540 è il numero di uomini e donne provenienti dall'Eritrea e dalla Somalia sbarcati dalla nave Chimera al molo Mandredi di Salerno, grazie all'intervento della Marina Militare. Sono stati recuperati scalzi, denutriti e malati a 150 miglia a sud di Lampedusa al largo di Tripoli, mentre erano a bordo di due barconi andati in avaria. Tra i migranti c'erano 365 uomini e 174 donne con un minore abbandonato. Alcune di loro sono incinte, una al nono mese di gravidanza in procinto di partorire. Altri invece sono affetti da scabbia e sono stati isolati dal resto del gruppo per evitare il contagio. Il vicequestore Giovanni Cirillo ha affermato che una parte resterà in Campania presso i centri di accoglienza e altri saranno mandati in Lombardia, Piemonte, Liguria, Veneto, Emilia Romagna, Lazio e Calabria.

114 subsahariani sono stati salvati dal mare a bordo della nave della Marina Militare Fiorillo. Sono sbarcati oggi al porto di Lampedusa, in Sicilia. Altri 115 migranti invece sono stati soccorsi a largo della Libia dalla Guardia di Finanza. È ancora in corso il trasbordo dei migranti dal gommone alla nave.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password