Afghanistan: morti 35 civili e 100 feriti, l'Isis rivendica

Un kamikaze si è fatto esplodere presso una banca a Jalalabad

pubblicato il 18/04/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru
Isis

L'Isis dichiara di essere responsabile della strage avvenuta stamattina a Jalalabad, in Afghanistan. Un kamikaze dello Stato Islamico Jihadista si è fatto saltare in aria davanti ad una banca, mentre c'erano molte persone in fila agli sportelli. Si contano 35 morti e oltre 100 feriti, lo ha riferito il presidente afghano, Ashraf Ghani.

C'è stata un'altra esplosione poco prima ed a breve distanza presso una moschea di Jalalabad. Secondo quanto detto dall'emittente Kabul 1TvNews, la prima esplosione ha causato gravi danni alla moschea, ma è stata la seconda ad aver ucciso più persone. Il kamikaze pare fosse un uomo in motocicletta, Abu Mohammad, terrorista jihadista. La rivendicazione dell'attentato è stata fatta da un esponente del movimento terroristico rivolta ai massmedia. Le autorità afghane cercano conferme della paternità dell'attacco terroristico violento in provincia di Nangarhar.

Tra i temi trattati dal Capo del governo Matteo Renzi e il Presidente degli Usa Barack Obama, c'è anche quello della questione afghana. Il Premier italiano conferma che le nostre truppe resteranno nel Paese più tempo rispetto alle previsioni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza