Conoscere le Forze Armate: l'impegno del Colonnello Gianfranco Paglia

L'ufficiale decorato incontra gli studenti in Campania

pubblicato il 09/03/2015 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

Nella giornata di domani l'auditorium dell'IISS "Rinaldo d'Aquino" di Montella (AV), gli studenti delle ultime classi della scuola altirpina incontreranno il tenente colonnello dell'Esercito Gianfranco Paglia, Medaglia d'Oro al Valor Militare, che tratterà dell'importanza delle missioni umanitarie ed in particolare del ruolo delle forze armate italiane nelle operazioni di pace.


Gianfranco Paglia, 44 anni e originario di Sesto San Giovanni (MI), è rimasto gravemente ferito alla colonna vertebrale nella battaglia del pastificio a Mogadiscio, il 2 luglio 1993 nell'ambito della Missione Ibis  perdendo l'uso delle gambe. 
Nonostante l'invalidità, è tornato in servizio nell'Esercito partecipando alla missione SFOR in Bosnia. Somalia, Libano, ex Jugoslavia, Kosovo, Iraq sono stati i fronti caldi che lo hanno visto all'opera, sotto l'egida dell'ONU o della Nato.


Già consigliere del ministro della Difesa nel governo Monti, svolge da anni un'intensa attività di conferenziere in tutt'Italia, dove già molteplici sono stati i suoi incontri con le scolaresche, resi possibili da un protocollo d'intesa che, come si legge sul suo blog "L'Italia onesta", è stato siglato tra il Miur ed il Ministero della Difesa allo scopo di fare chiarezza su quella che è la figura del soldato italiano ed in che cosa si differenzia dagli altri contingenti impegnati in interventi militari finalizzati al ripristino della pace in diverse parti del mondo.

Un tema assai delicato, quindi, quello delle missioni di pace, per capire quanto il nostro esercito sia preparato ad affrontare le più svariate minacce, ancor più attuale se si pensa a quelle provenienti dal terrorismo fondamentalista islamico. Problematiche che troveranno nel pluridecorato ufficiale delle risposte rilevanti, di sicuro tese a ribadire il ruolo di portatori di pace dei militari italiani.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password