Camorra: sequestrati beni per 320 milioni di euro

Le attività e gli immobili erano intestati a prestanome di fiducia del clan napoletano.

pubblicato il 18/02/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

In seguito all'intervento della guardia di finanza, sono stati sequestrati alla Camorra beni per un valore approssimativo di 320 milioni di euro.  Le fiamme gialle hanno agito secondo le disposizioni del tribunale di Napoli, sottraendo i beni a dei falsi intestatari, i quali coprivano esponenti di un clan napoletano.

I beni in questioni sono dislocati in tutta Italia e comprendono immobili, terreni ed attività commerciali operanti in diversi settori. Sulla carta i proprietari dei beni, erano prestanome di fiducia di camorristi legati ad un clan napoletano, di cui quasi tutti i componenti sono sottoposti a misure di prevenzione. Il patrimonio sarebbe stato accumulato illecitamente nel tempo attraverso il metodo mafioso. A scovare l'attività criminosa sono stati gli investigatori della polizia tributaria di Napoli. Già a fine del mese scorso erano stati arrestati diversi esponenti di un altro clan, quello dei “Falanga” a Napoli per traffico di stupefacenti, nonché altre 24 misure di custodia sono ricadute su esponenti del clan Casalesi, con l'aggiunta di sequestro beni e società nelle provincie di Caserta, Napoli e Verona. I reati ipotizzati, erano quelli di associazione a delinquere di tipo mafioso, corruzione e abuso d'ufficio

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password