Mattarella: "Quirinale palazzo aperto"

Entro breve tempo dimora presidenziale accessibile tutti i giorni

pubblicato il 17/02/2015 in Attualità da Gianluca Vivacqua
Condividi su:
Gianluca Vivacqua
Mattarella apre il Quirinale

L’opinione pubblica lo chiedeva da tempo: e il nuovo capo dello Stato sembra voler mettersi subito in sintonia con giornalisti, opinion maker, amanti dell’arte e della cultura e tanti, tantissimi altri cittadini. “Ho disposto in modo che il Quirinale, entro breve tempo, sia aperto alle visite tutti i giorni”. Dopo i voli di linea Roma-Palermo e Palermo-Roma, e la decisione di nominare un nuovo segretario generale della Presidenza della Repubblica, Ugo Zampetti, che non riceverà “compenso alcuno”, Mattarella non si fa pregare a compiere un terzo gesto di innovativa “trasparenza”.
Il Quirinale, la fastosa dimora dei papi e dei re d’Italia e poi impenetrabile, austera domiciliazione presidenziale: nel 2015 finalmente “palazzo aperto”, e non soltanto le domeniche, periodo estivo escluso, senza contare che, a tutt’oggi, l’edificio non è accessibile al pubblico neppure il 4 gennaio, il 1° febbraio, il 5 aprile, il 31 maggio, il 1° novembre e poi il 20 e il 27 dicembre, anche se questi giorni cadono di domenica. Eppure abbiamo a che fare con “un luogo simbolo della cultura e della storia italiane”, per usare le parole di Mattarella, e dunque è giusto, egli ritiene, che il normale percorso di visita che lo interessa si allarghi sia nei tempi che negli spazi: meno casa dei segreti e più casa dei tesori. Allo studio c’è l’idea di rendere disponibili altre parti del Palazzo “per le attività espositive permanenti e temporanee”. Il minimo che si possa fare, probabilmente, per onorare “il legame profondo del Quirinale con i cittadini”.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password