Ritirata la patente perchè gay: ora è maxi risarcimento

Roma. Pubblica Amministrazione sotto accusa.

pubblicato il 23/01/2015 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

È accaduto 15 anni fa: un ragazzo di 19 anni aveva confessato di essere gay durante una visita all'ospedale militare per effettuare il servizio di leva. Da allora gli è stata sospesa la patente per presunti disturbi dell'identità sessuale. In lotta con la P. Amministrazione per tre lustri, oggi si apre uno spiraglio di giustizia. La cassazione ha disposto che sia riconosciuto un risarcimento adeguato all'offesa subita dalla vittima.

“Un vero e proprio comportamento omofobico oltre che intollerabilmente reiterato da parte della Pubblica Amministrazione” - è questa la motivazione che riconosce la cassazione circa l'atteggiamento adottato nei confronti di Danilo Giuffrida, oggi 34enne di Roma , al quale 15 anni fa gli è stata tolta ingiustamente la patente per il suo orientamento sessuale dichiarato.
Insieme all'avvocato Giuseppe Lipera si era riferito con fiducia alla giustizia, chiedendo un risarcimento ai Ministeri della Difesa e dei Trasporti di 500.000 euro per violazione della privacy e discriminazione sessuale. Durante questo lungo periodo è passato di fronte al Tar e a due tribunali: un primo giudizio aveva riconosciuto una cifra approssimativa di 100 mila euro, che in Appello poi era scesa vertiginosamente a 20 mila euro, infatti si era ritenuto il risarcimento sproporzionato all'offesa. Rivolgendosi imperterrito alla giustizia, Danilo Giuffrida ha ottenuto l'appoggio da tempo sperato. Ieri è stata depositata la sentenza della terza sezione civile della Cassazione, che ha disposto il rinvio del caso per determinare il rialzo della cifra, che dovrà essere stabilita da un nuovo Tribunale d'Appello in base a requisiti stabiliti da tale sentenza.
“È la vittoria della giustizia – dice il 34enne vittima dell'ingiustizia – ci ho sempre creduto”.
Entusiasta anche il presidente dell'arcigay, Flavio Romani, il quale auspica una decisione imminente da parte del parlamento circa la discussione e approvazione della legge contro l'omotransfobia.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password