Omicidio-suicidio nel genovese

Rapallo: uccide la moglie e poi si schianta dal 5° piano con il figlio.

pubblicato il 11/12/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

È successo a Rapallo, in provincia di Genova, l'omicidio di una giovane donna per mano del marito, il quale ha deciso di stroncare anche la sua vita e quella del suo figlio di un anno.

Alessio Loddo era sposato con la casalinga Gisella Mazzoni, avevano un figlio di un anno e due cani con i quali vivevano in un appartamento al quinto piano di un edificio in via La marmora a Rapallo (Genova).
Tra i due coniugi i rapporti si erano incrinati da tempo, tanto che la donna già da mesi cercava di mandare via da casa il marito, che non voleva saperne della separazione. Amici di famiglia sostengono la tesi che l'uomo fosse violento e che erano continui i litigi tra i due.
Il culmine del disaccordo tra marito e moglie è arrivato ieri, quando Alessio ha afferrato un coltello e lo ha piantato per quattro volte nello sterno di Gisella, ferendola a morte. Prima di compiere l'insano gesto, l'uomo ha inviato un sms alla sorella scrivendole: “la uccido e poi uccido me stesso”, e ha affisso un bigliettino sulla porta “Non bussate”.
Ma non è bastato ad Alessio uccidere la sua donna, ha deciso di togliere la vita anche al loro neonato, Francesco, lanciandosi con lui dal quinto piano della sua casa. I passanti hanno sentito il colpo provocato dai corpi caduti sul selciato e hanno chiamato l'ambulanza. I soccorsi però non sono serviti , infatti erano ormai morti, così sono stati raccolti e i carabinieri hanno fatto irruzione nell'appartamento sfondando la porta. Hanno trovato il corpo della donna a terra in una pozza di sangue e hanno dedotto le motivazioni dell'omicidio-suicidio. Le indagini sono comunque in corso, anche se pare ovvio quello che alcuni dicono sia stato un omicidio annunciato, era solo questione di tempo.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza