A Spoleto la tavola rotonda “L'Esercito Italiano strumento di pace”

Il Ten. Colonnello Gianfranco Paglia interviene sul ruolo delle Forze Armate

pubblicato il 06/11/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino

“L'Esercito Italiano uno strumento di pace. Dalle origini ai nostri giorni”, questo il tema della tavola rotonda organizzata dall'associazione “I Cento Comuni” che si è tenuta nella giornata di oggi a Spoleto, presso la Caserma “G. Garibaldi” sede del 2° Battaglione “Granatieri di Sardegna”, che ha visto la partecipazione della MOVM Ten. Colonnello Gianfranco Paglia e la moderazione dalla giornalista Ilaria Bosi. Alla presenza di alunni e docenti del polo linguistico, scientifico, classico e delle Autorità  si sono alternati gli interventi riguardanti la parte storica del Ten. Col. Fabio Riggi e per l'importanza delle missioni di pace della Medaglia d'Oro al Valor Militare Ten. Col. Gianfranco Paglia. Nel riportare la sua testimonianza e le varie missioni effettuate dopo l'incidente del Checkpoint Pasta durante la missione “Ibis” in Somalia nel 1992, dove rimase gravemente ferito, il Ten. Col. Paglia ha posto l'accento su come oggi, di fronte ad un terrorismo sempre più pressante, diventi fondamentale il ruolo delle Forze Armate, artefici principali della sicurezza di tutti i giorni, uno strumento di progresso, di sviluppo sociale ed economico al servizio del cittadino, della Nazione e, quindi, della Comunità Internazionale.
" Oggi il ruolo del soldato italiano - ha dichiarato Paglia - non è più relegato a colui che fa la guerra, ma viene identificato come colui che porta la pace cercando di aiutare quei Paesi in cui il conflitto è evidente. Ed è questa la differenza che lo rende diverso dagli altri."

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password