Razzo Antares esplode dopo il lancio

Nasa: 2.2 tonnellate di materiale perduto. Partono le indagini sul caso.

pubblicato il 01/11/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

È successo a largo delle coste della Virginia nella base Nasa di Wollops. Durante il lancio della navetta Cargo Cignus, un razzo è andato in fiamme e poi è scoppiato subito dopo.

Dopo 15 secondi dal decollo, il razzo Antares, progettato dalla Orbital Sciences, è andato a fuoco, esplodendo per cause ancora da definire.
L'azienda Orbital Sciences, che opera per la Nasa, si occupa di consegnare il rifornimento e i materiali scientifici alla stazione spaziale internazionale. Questa ha ipotizzato un guasto ad uno dei motori, nello specifico AJ26, che durante i test aveva avuto dei problemi, a quanto pare risolti solo in parte.
La orbital Sciences ha firmato un accordo contrattuale con la Nasa da 1,9 miliardi di dollari, con i quali avrebbe dovuto assicurare almeno 8 voli sino al 2016. Comunque a rassicurare la riuscita degli obiettivi, spiega il responsabile del progresso alla Nasa, pare che non sia andato perduto materiale indispensabile per la stazione spaziale, in quanto hanno rifornimenti sufficienti per un periodo di tempo molto lungo.
Le cause dell'incidente sono comunque ancora da accertare, per cui proseguono le indagini.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password