La penisola del Gargano devastata da un'alluvione

un morto e un disperso, travolte dall'acqua molte strutture turistiche

pubblicato il 06/09/2014 in Attualità da Daniele Del Casino
Condividi su:
Daniele Del Casino
courtesy Emergenza24

Situazione ancora estremamente tragica in Puglia, dove il forte maltempo, con precipitazioni che non venivano rilevate così intense da oltre 80 anni, ha lasciato intere zone completamente allagate nella penisola del Gargano. Vieste, Rodi Garganico, San Marco in Lamis,Carpino, San Giovanni Rotondo, Carpino, Vico del Gargano sono le località più colpite dai nubifragi, in particolare nella zona di Peschici, dove l'acqua esondata dai canali ha travolto numerosi campeggi e altre strutture turistiche, trascinando auto, roulotte e camper fino in mare aperto, dove una coppia di turisti danesi è salva per miracolo grazie all'intervento della Capitaneria di Porto, e un uomo, di cui non sono state rese note ancora le generalità, risulta ancora disperso dopo che la sua auto è stata investita dall'alluvione. E' stato invece ritrovato il corpo senza vita di Antonio Facenna, 24 anni, che nelle campagne di Carpino stava raggiungendo la masseria familiare quando è stato investito dalla piena di un canale, che lo ha trascinato fino al lago di Varano, dove è stato ritrovato a poca distanza dalla sua automobile. Numerose famiglie hanno trovato rifugio sui tetti delle case, mentre sono circa quaranta le persone alloggiate in una struttura comunale messa a disposizione dalla Protezione Civile locale a Peschici mentre a San Giovanni Rotondo almeno 15 persone continuano ad essere alloggiate negli alberghi cittadini. Ancora a regime il dispositivo di soccorso della Protezione Civile, che secondo l'assessore regionale Guglielmo Minervini ha funzionato alla perfezione, evitando danni più seri, con i Vigili del Fuoco, le Forze dell'Ordine e le associazioni di volontariato come la Vigilanza Antincendi Boschivi e il Gruppo Soccorritori Gamma 27 che si stanno prodigando da più di 48 ore ininterrottamente per arginare i danni prodotti dal maltempo e muovendosi con estrema difficoltà, a causa delle numerose strade interrotte sulla penisola. Nella giornata di domani è atteso nelle zone colpite il capo della Protezione Civile Franco Gabrielli, che insieme alle istituzioni locali farà il punto della situazione sulla tremenda ondata di maltempo, i cui danni per le prime stime ufficiose sono stati calcolati per oltre quattro milioni di euro.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password