Sicilia. Ancora un altro naufragio di migranti clandestini: 5 morti E 61 tratti in salvo

Canale di Sicilia. Continuano le operazioni di ricerca di altri eventuali superstiti.

pubblicato il 21/07/2014 in Attualità da Veronica Murru
Condividi su:
Veronica Murru

Un gommone semi-affondato è stato trovato nel canale di Sicilia dalla fregata Zeffiro, la corvetta Urania e da un elicottero, che hanno soccorso gli sfortunati passeggeri. Ad aiutarli anche la motovedetta CP905 e una nave mercantile, la Genmar Compatriot, che ha fatto salire a bordo coloro che si sono salvati e i corpi dei deceduti. Sono in corso intanto le ricerche degli altri passeggeri, sarebbero dovuti essere intorno alle ottantina di persone, ma fino ad ora non sono arrivate notizie di ulteriori ritrovamenti.

Nella notte quattro navi della Marina Militare hanno prestato aiuto a dozzine di emigrati dalle coste nord-africane. La sola fregata Zeffiro ha imbarcato 294 migranti mentre la corvetta Urania 98.
E ieri, tra i 29 deceduti a largo di Lampedusa, anche un bambino di un anno e una donna che è morta durante i soccorsi.
Dal video pubblicato su youtube dalla Marina Militare, si vede il momento dell'imbarco sulla nave mercantile. Le donne africane con il foulard in testa e in braccio i neonati, con visi smarriti ma consapevoli di quello che è stato il destino di tanti prima di loro.
Sono dati che aumentano ogni giorno. Sono la manifestazione di un disagio di un popolo che, per sopravvivere, deve rischiare anche la morte. Ma è anche il disagio di un paese ospitante, dei volontari e non che devono vedere la disperazione negli occhi di chi ha perso la famiglia e  raccogliere dalle proprie coste corpi esanimi così simili ad ogni uomo nel momento della morte
.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza