Aveva 15 daini in cortile, denunciato

Gli animali trasferiti in un parco faunistico

pubblicato il 16/04/2014 in Attualità da a cura della redazione
Condividi su:
a cura della redazione

Su disposizione del Giudice per le indagini preliminari di Busto Arsizio, il Nucleo Investigativo di Milano del Corpo Forestale dello Stato e il Comando Stazione di Garbagnate Milanese hanno sottoposto a sequestro e trasferito in un centro autorizzato, 15 esemplari di daino (dama dama) detenuti da un privato all'interno della sua proprietà senza autorizzazione alcuna. I daini, al pari di altre specie selvatiche di ungulati, sono classificati dalla legge "specie pericolosa per l'incolumità pubblica" e  pertanto ne è vietata la detenzione, se non all'interno di allevamenti autorizzati dalla Provincia e sottoposti a specifici controlli e procedure. 

Gli animali sequestrati erano liberi di riprodursi tra loro con evidenti problemi di consanguineità, privi di qualsiasicura veterinaria e destinati ad essere serviti sulla tavola del proprietario.
Le complesse operazioni di cattura, che hanno coinvolto anche un medico veterinario specializzato e personale della Polizia Provinciale, hanno richiesto l'uso di telenarcosi per gli esemplari maschi muniti di palco e di apposite reti da cattura per gli esemplari femmine. Dopo la cattura gli animali sono stati marcati ed affidati in custodia ad un parco faunistico abilitato alla loro detenzione, che li terrà a disposizione dell'autorità giudiziaria, garantendone il benessere.
Il proprietario, indagato per violazione delle norme sulla detenzione di specie pericolose per la salute e l'incolumità pubblica (L. 150/1992) , rischia l'arresto fino a due mesi e pesanti sanzioni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password