Uccide il collega di lavoro, sua moglie e poi si toglie la vita

La tragedia tra Segrate e Milano

pubblicato il 03/04/2014 in Attualità da Angela Menna
Condividi su:
Angela Menna

E' accaduto stamane a Segrate in provincia di Milano, dove un uomo di 72 anni ha ucciso a colpo di pistola il collega di lavoro, la moglie, per poi suicidarsi con la stessa arma. L'assassino, Domenico Magri', un imprenditore edile, aveva dato appuntamento al collega di 69 anni, originario di Messina, per discutere di questioni di lavoro. Quest’ultimo voleva che all’appuntamento ci fosse anche il figlio Antonio, che però ha ritardato di una decina di minuti. Quando è arrivato al cantiere ha trovato il padre morto e ha immediatamente chiamato i carabinieri. I militari, una volta arrivati a casa dell'assassino a Bottanuco, hanno scoperto il cadavere di Magrì e quello della moglie. Solo dopo il primo omicidio, l'uomo e' tornato a casa e ha sparato alla signora, fino a suicidarsi. Gli investigatori stanno cercando di scoprire le ragioni del duplice omicidio-suicidio.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password