Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Marchettini ci racconta "Vetri", il suo nuovo singolo

Condividi su:

VETRI è il nuovo singolo di MARCHETTINI, prodotto da Humble e distribuito da ADA music Italy, in uscita venerdì 27 maggio.  Questo brano segue il suo debut album Odiarsi Male (Humble, 2021) che contiene il singolo Luna, con oltre 1,2 milioni di stream su Spotify e insieme a DRAMMI, uscito il 15 aprile, fa parte del nuovo percorso del cantautore milanese.

MARCHETTINI ci fa ascoltare un altro lato della sua scrittura, più intima e cantautorale, con un ballad sospesa in un arrangiamento essenziale a cura di Simone Pavia. Un brano delicato, da cantare sottovoce, di una delle penne più interessanti della nuova generazione, capace di miscelare le influenze urban a una scrittura che ha le radici nel cantautorato italiano.

Impossibile non chiedergli qualcosa in più!

- C’è qualcosa nei tuoi ascolti recenti che ti ha colpito? Hai ipotizzato qualche feat che ti piacerebbe realizzare?

Si io sono molto curioso e mi piace tantissimo ascoltare e scoprire nuova musica quindi rimango spesso colpito positivamente. I primi due nomi che mi vengono in mente che mi hanno colpito ultimamente sono Anzj e Cavetown. Si certo, quello forse impossibile ma che mi farebbe più volare sarebbe con Mecna.

- Ascoltare musica è importante per fare musica?

Per me si, è fondamentale. Ti permette di avere nuovi stimoli ed evitare di fossilizzarti sulle stesse sonorità.

- “Vetri” è una canzone tutt’altro che estiva. La tua sarà un’estate malinconica? Vedremo altre tue pubblicazioni prima di settembre?

A me piace definire “Vetri” una Hit estiva per cuori fragili, colonna sonora perfetta per la mia estate. Si prima di settembre uscirà nuova musica ed entro fine dell’anno ancora di più.

- Cosa serve per avviare un progetto musicale in questi anni Venti? C’è qualcosa che non hai mai preso in considerazione o di cui non ti piace occuparti?

Assolutamente si in questi anni venti chiunque ha la possibilità di avviare un progetto musicale, gli strumenti per poterlo fare sono accessibili a tutti. La cosa che davvero fa la differenza secondo me è il capitale umano, ovvero riuscire a trovare persone che credono davvero nel progetto, disposte a mettere a disposizione le proprio conoscenze e capacità per farlo crescere. Personalmente io penserei solo ed esclusivamente al lato musicale, ma sono consapevole che tutto è importante quindi cerco di fare il meglio in ogni ambito.

Condividi su:

Seguici su Facebook