I Numero 6 ci raccontano il loro nuovo singolo "Stanco"

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 27/04/2022 in Attualità da Jacopo Ortica
Condividi su:
Jacopo Ortica

STANCO è il nuovo singolo dei NUMERO6, in uscita il primo aprile per The Prisoner Records e in distribuzione The Orchard, che segna il ritorno della band genovese dopo otto anni dall’ultimo disco in studio. La canzone è stata scritta e prodotta da da Michele Bitossi insieme ad Alessandro Bavo e missata da Ivan Antonio Rossi con la collaborazione agli arrangiamenti di archi di Lorenzo Diblasi. Nati dalle ceneri dei Laghisecchi e considerati tra i rappresentanti più significativi del pop rock indipendente degli anni duemila, i NUMERO6 hanno all’attivo sei album, numerosi EP, svariati singoli e una serie di collaborazioni tra cui spiccano quelle con Bonnie “Prince” Billy, Colapesce, Enrico Brizzi.

Ne abbiamo parlato direttamente con loro!

1. 8 anni di assenza sono tanti. Il progetto Numero 6 ha continuato ad esistere nonostante l’assenza di pubblicazioni?

Se la domanda è “vi siete sciolti?” la risposta è no. Semplicemente il progetto si e’ come auto ibernato. Ognuno di noi ha fatto tante altre cose. Poi un giorno abbiamo capito che avevano qualcosa di nuovo da dire insieme e lo abbiamo detto. Il punto è proprio questo: tornare se hai qualcosa da dire artisticamente, non tornare solo per l’ansia di tornare facendo musica di merda. Come fanno purtroppo molti.

2. A quali altri progetti vi siete dedicati nel frattempo?

Dischi solisti, scouting e produzione di artisti, autorato per altri, progetti artistici che nulla hanno a che vedere con la musica, agricoltura, paternità.. E tantissimo altri ancora.

3. Com’è avvenuto il passaggio dai “Laghisecchi” ai “Numero 6”?

In maniera assolutamente naturale è un po’ prosaica... dovevamo uscire da un contratto discografico che non ci andava bene. Abbiamo ucciso un nome partorendone un altro, dall’oggi al domani.
4. Come è avvenuta la vostra collaborazione con Colapesce?

Conoscemmo Lorenzo una quindicina di anni fa quando organizzò alcune nostre date in Sicilia. Da lì siamo rimasti in contatto e siamo diventati amici. È stato molto naturale collaborare su un nostro brano.

5. Prossimi progetti sul breve periodo?

Scrivere canzoni e pubblicare solo quelle che ci sembrano belle e meritevoli di essere ascoltate.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password