INTERVISTA A GIANLUCA TESTA, REGISTA DEL FILM GNOTHI SEAUTON - IL SEGRETO DEL LEADER, IN CONCORSO PER IL MIGLIOR FILM ITALIANO AI DAVID DI DONATELLO 2022

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 09/03/2022 in Attualità da Gioia De Scalzi - Self Help Magazine
Condividi su:
Gioia De Scalzi - Self Help Magazine

 

Caro Gianluca, il lungometraggio Gnothi Seauthon – Il segreto del Leaderprodotto da Teatroformattivo in collaborazione con 1 Agosto Film SRL e da te scritto e diretto, è un film sperimentale e coraggioso che, dopo una gestazione difficile, durata anni (il film è stato girato tra il 2015 ed il 2018), e la vittoria di ben 5 premi al Festival Di Grottammare nel 2019 (tra cui Miglior Film, Miglior Regia e Miglior Sceneggiatura) ha finalmente trovato distribuzione in Italia e all’estero nel 2021, grazie a Film Office Ltd, lungimirante società di distribuzione britannica, ed è ora ufficialmente in concorso per il Miglior Film Italiano ai David di Donatello 2022, dove sei in gara anche per il premio di Miglior Regista. Ti aspettavi questo risultato?

E’ un risultato che premia anni di duro lavoro e anche, soprattutto, lo sforzo di tutti gli artisti e i tecnici che hanno contribuito alla realizzazione del film: dal protagonista Giuseppe Alagna agli attori Lamberto Consani, Valeria De Vecchi, Anwar Kalander, a tutto il resto dello straordinario cast artistico e tecnico.

Descrivici il tuo film.

Il film ha inizio in Grecia, nel V secolo a.C. Socrate narra ad Alcibiade il mito platonico dei doni di Prometeo e Zeus e di come, un tempo, l’uomo sopravvisse al Megiste Metabolé: il grande capovolgimento che lo espose alla potenza implacabile della natura. Rivela poi al suo discepolo il segreto celato nelle chiavi della sapienza. Più di duemila anni dopo una giovane cineasta presenta ad un produttore il suo ambizioso progetto: un film sul segreto della leadership, in cui la saggezza degli antichi incontra le ultime scoperte delle neuroscienze. L’opera, ambientata al giorno d’oggi, sarà ispirata al Marco Antonio, al Riccardo III e all’Enrico V di Shakespeare. Il primo incarnerà la leadership inetta, il secondo la leadership oscura ed il terzo la leadership visionaria.

Il film è inoltre impreziosito dalla partecipazione dello storico ed economista Giulio Sapelli, che nel 2018 era stato addirittura candidato Premier. Come sei riuscito a coinvolgerlo nel progetto?

Il prof. Giulio Sapelli non ha bisogno di presentazioni. Con la sua profondità di pensiero è una delle voci più importanti della cultura italiana. L’ho coinvolto quando l’80%del film era già stato girato. Vedendo il premontato ha accettato di prendere parte al lungometraggio, nel ruolo di se stesso, attraverso un commento metacinematografico che accompagna l’intero film.

Il cast è formato da attori noti, molti dei quali lavorano spesso nei tuoi film , oltre che da emergenti provenienti dalla tua scuola di recitazione Eg Actors Lab – Centro Internazionale Studi Espressività Generativa, che si basa appunto sul Metodo Espressività Generativa, descritto nel libro “Arte e scienza dell’attore – strategie segrete del corpo mente” . Come funziona la tua scuola e il tuo Metodo?

EG ACTORS LAB è una laboratorio dove gli artisti hanno modo di creare il proprio personale percorso. Ogni attore è seguito individualmente nello sviluppo del proprio potenziale artistico e delle basi della propria carriera. Ed il lavoro di ogni attore contribuisce attivamente al processo di ricerca del Metodo Espressività Generativa.  

La colonna sonora del film è la canzone IL KARMA DEL LUPO, in concorso come Miglior Canzone Originale. Parlaci della relazione tra questo brano e il film.

Il brano è uscito la scorsa estate, distribuito su tutte le piattaforme di streaming e digital download dall’etichetta discografica Teatroformattivo. Il karma del lupo è legato alla linea narrativa del film che esplora la componente psicopatica di alcuni leader, prendendo come archetipo il Riccardo III di Shakespeare.

Parlaci dei nuovi progetti di Teatroformattivo.

Teatroformattivo è sempre attiva nel cinema, con la produzione di film sperimentali. E’ inoltre un’etichetta discografica ed è attiva anche in campo editoriale, essendo una produzione di audiolibri. Abbiamo importanti accordi per la distribuzione in tutti e tre i settori e l’obiettivo di Teatroformattivo è proprio questo: la correlazione tra le arti. Ogni progetto viene sviluppato attraverso diversi media: ad esempio un libro può dar vita ad un audiolibro o audiodramma, ma anche ad un concept musicale e, nella migliore delle ipotesi, diventare un film.

Gianluca Testa - Il karma del lupo (Teatroformattivo Dischi) 

Contatti del regista Gianluca Testa

http://www.instagram.com/gianlucatesta.eg

http://www.facebook.com/gianlucatestapage

Link di Teatroformattivo

http://www.facebook.com/teatroformattivo

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password