Brindisi, con le motocross nel Parco Saline Punta della Contessa: denunciati motociclisti

I veicoli erano anche sprovvisti di copertura assicurativa. I motociclisti erano sei, tre sono riusciti a fuggire ma saranno rintracciati dai carabinieri forestali. Tra i denunciati anche un minore.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 04/05/2021 in Attualità da Federico Sanapo
Condividi su:
Federico Sanapo

I carabinieri del Nucleo Investigativo NIPAAF della stazione Forestale di Brindisi nelle scorse ore hanno denunciato, in stato di libertà, tre motociclisti sorpresi con le loro motocross all'interno dell'area del Parco Naturale Saline Punta della Contessa, situato a sud del comune capoluogo. Nella fattispecie i motociclisti sorpresi nell'area naturalistica erano sei: tre sono riusciti a fuggire e saranno rintracciati nelle prossime ore. I tre fermati sono un 41enne, un 18enne e un 16enne: i primi due sono stati deferiti alla Procura della Repubblica di Brindisi, mentre il minore alla Procura dei Minorenni di Lecce. Ai tre motociclisti sono stati contestati i reati di cui all’ art. 734 del codice penale (deturpamento e distruzione di bellezze naturali protette) ed all’ art. 11, comma 3 (sanzionato dall’ art. 30, comma 1) della legge-quadro sulle aree protette n. 394 del 1991 (introduzione di mezzi a motore al di fuori dalle strade con disturbo e danneggiamento di flora e fauna). Le moto sono state sottoposte a sequestro preventivo penale.

L'area delle Saline Punta della Contessa è un oasi naturalistica dove trovano protezione varie specie animali, alcuni assai particolari e rare, come il fenicottero rosa. Istituita nel 2022 la zona si estende da Capo Cavallo fino alle soglie di Cerano. All'interno del parco ci sono anche siti archeologici di importanza fondamentale per il territorio, come i resti della torre costiera di località Mattarelle. Tutte le moto non erano neanche munite di tagliando assicurativo, per cui ne è stato sottoposto anche il sequestro amministrativo e sono state affidate ad un custode giudiziario. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password