Covid-19, in Francia trovata possibile variante "bretone"

Parigi rischia un nuovo lockdown totale a causa dell'aumento dei contagi, forse provocati da questa nuova mutazione. La situazione peggiora in tutto il Paese, Castex: "Nuove restrizioni".

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 17/03/2021 in Attualità da Federico Sanapo
Condividi su:
Federico Sanapo

In Francia sarebbe stata isolata negli scorsi giorni una nuova variante del Covid-19, quella denominata appunto "bretone". La mutazione sarebbe stata riscontrata nella Côtes d'Armor e nel Finistère. Al momento non è dato sapere precisamente se questa variante sia più o meno contagiosa delle altre, nè se sia più mortale. Le autorità sanitarie d'Oltralpe hanno già cominciato gli studi per verificare quanto la mutazione possa essere pericolosa. E intanto tutta la Francia fa i conti con una nuova ondata di contagi, soprattutto nella regione di Parigi, l'Ilè de France, dove i ricoveri sono in costante aumento. Secondo quanto riferisce Fanpage, al momento in Francia ci sono 4.239 pazienti ricoverati in terapia intensiva, più 400 nelle ultime 24 ore. Si tratta del numero più alto mai raggiunto da fine novembre 2020. Il Premier Jean Castex ha detto che nelle prossime ore potrebbero essere introdotte nuove pesanti restrizioni alle libertà personali per contere il virus. Non si esclude che tutta la regione e la città di Parigi possano entrare in nuovo lockdown totale. La situazione è delicata e viene tenuta sotto costante osservazione. Nella mattinata di oggi 17 marzo all'Eliseo è stato convocato il Consiglio di Difesa che già nelle prossime ore potrebbe adottare nuove restrizioni. Sul territorio francese la variante inglese, secondo i dati in possesso dal Governo, rappresenterebbe il 70% dei nuovi casi. Al momento la situazione è quindi molto difficile perché da un lato "la campagna di vaccinazione non ha ancora prodotto i suoi effetti, dall'altro perché nel frattempo il virus sta mutando" -queste le parole di Jean Castex alla stampa francese.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password