Brindisi, come se il Covid non esistesse: assembramenti in città, fioccano multe

Nella serata di sabato 20 febbraio il capoluogo è stato preso d'assalto da migliaia di giovani e giovanissimi, Polizia costretta a disperdere assembramenti. Multati e chiusi due locali.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 21/02/2021 in Attualità da Federico Sanapo
Condividi su:
Federico Sanapo

Probabilmente complice la zona gialla e la serata piuttosto mite, nella serata di sabato 20 febbraio la città di Brindisi è stata presa d'assedio da migliaia di giovani. In strada sono scese anche tante famiglie, che hanno voluto fare una tranquilla passeggiata. Anche i luoghi della movida si sono riempiti di giovani, specialmente nella zona di via Conserva e quella del Nuovo Teatro Verdi. Le forze dell'ordine hanno dovuto faticare, e non poco, per tenere la situazione sotto controllo. Molti giovani si sono assembrati davanti ai locali, creando una situazione molto pericolosa dal punto di vista epidemiologico a causa del perdurare dell'emergenza Covid-19. Proprio per questo motivo le pattuglie della Polizia di Stato e della Locale sono intervenuti per sciogliere gli assembramenti. A chi non indossava la mascherina e non rispettava il distanziamento sono stati inflitte multe di 400 euro. Non è andata bene neanche per due locali, i quali sono stati multati con obbligo di chiusura per 5 giorni. 

Nella zona del Teatro Verdi la Polizia di Stato è intervenuta per sciogliere assembramenti. Alla vista degli agenti molti giovani sono fuggiti via, mentre altri che sono stati acciuffati sono stati multati. Stesso discorso in Corso Umberto, dove altri assembramenti si sono verificati davanti ad alcuni distributori automatici. Anche qui forze dell'ordine intervenute per disperdere assembramenti, multando chi non si comportava a dovere. Una serata di caos che potebbe costare alla città, in quanto nel comune capoluogo è stato registrato un caso di variante inglese del Covid-19. La testata giornalistica Brindisi Time ha pubblicato alcune foto degli interventi eseguiti dalle forze dell'ordine. 

La stanchezza per le continue restrizioni si fa sentire, ma questo non deve autorizzare le persone a non rispettare le regole. I controlli proseguiranno anche nella giornata di oggi 21 febbraio e nei prossimi giorni, comunque fino alla fine dell'emergenza. Gli amministratori locali ricordano che la zona gialla non rappresenta un "liberi tutti" o uno scampato pericolo. Proprio quando si è in fascia gialla bisogna rispettare in maniera ancora più ferrea le regole anti contagio stabilite dai protocolli nazionali e internazionali. 

(foto Brindisi Time)

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password