Vaticano: Stato Canaglia

L'Onu denuncia le politiche di copertura interna sulla pedolfilia

pubblicato il 06/02/2014 in Attualità da Tony Mariotti
Condividi su:
Tony Mariotti

L'ONU denuncia il lato oscuro del Vaticano. Uno "Stato Canaglia" che ha permesso, con le sue politiche omertose e diseducative, l'impunità della pedofilia e dell'omofobia. I membri di quello Stato e gli ambasciatori di quelle politiche occupano le cattedre pubbliche delle nostre scuole, istruiscono politici a corto di idee, presiedono associazioni che monopolizzano il terzo settore e scambiano ancora indulgenze con ricchezze materiali. Le mura possenti oggi non hanno più brecce, per volontà di dio, di un vescovo o di un padrino si proteggono criminali e si sbiancano denaro e panni sporchi. Fuori tutti fanno finta di non sapere, alzano spallucce, chiedono l'assoluzione e baciano anelli. Suonano le campane per soffocare le chiacchiere e spargono incenso per coprire il fetore. L'ONU denuncia ma i complici delle canaglie girano la testa.
“Mentre l'uomo ingenuo si sforza di purgarsi dalle contraddizioni, la Chiesa le ha collezionate.” Paul Valéry, Quaderni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password