Il covid e le disuguaglianze sociali. Diario pandemico di un privilegiato

pubblicato il 21/11/2020 in Attualità
Condividi su:

Diario pandemico di un privilegiato. Se sei a rischio contagio, devi fare il tampone per verificare se hai addosso il virus. Accendi il computer, hai i giga illimitati ed un collegamento veloce. Scarichi il modello del laboratorio di bioanalisi, lo riempi con i tuoi dati, alleghi le copie dei documenti che hai provveduto prima a scansionare. Fai il test. Il  costo viene addebitato sul tuo conto. Se hai bisogno di metterti in isolamento, non è difficile,  prenoti una camera. Il panino è da asporto. La colazione, dove il cornetto è più fragrante. Per fare questo devi avere un computer, una rete telematica, una  stampante e poi tutto il resto. Roba che per una coppia qualsiasi di pensionati o di una famiglia incapiente, rappresenta  la scalata di una parete rocciosa a mani nude. Senza contare la rete di conoscenze, la nutrita rubrica telefonica di medici che ti chiamano per nome e ti rispondono al secondo squillo. Ma è per tutti così? No che non è così. Lo smantellamento della rete sociale e sanitaria non pesa sui privilegiati, pesa sui più deboli. Per anni ci siamo bevuti le teorie snob-bocconiane del mito del privato, dei prodigi della concorrenza e del mercato. Pur chiamandoci “società”, abbiamo dimenticato il senso dell’essere società, del condividere destini e speranze, risorse ed opportunità. Come ipnotizzati dalla musica suadente del successo e della competizione, abbiamo immolato il senso dello stato alle sofisticate teorie farlocche enunciate con la erre moscia di chi sapeva raccontare l’economia e la società del futuro. Il risultato è ciò che vediamo. Ogni ospedale chiuso, ogni servizio sospeso, ogni pezzo dello stato sociale smantellato,  in onore del dio mercato, oggi grida vendetta. Grida vendetta  per ogni donna e per ogni uomo lasciato solo a risolvere il proprio problema. Dovremo ricordarci di questi giorni. Dovremo  tornare a scoprire cosa significa essere una società di donne e di uomini. Dovremo ricordarci cosa significa fratellanza e solidarietà. Forse dovremo ricordarci, a sinistra, cosa significa essere di sinistra. Significa condivisione, significa solidarietà, significa condividere il pane. Per questo ci si chiamava compagni. Cum panis, con lo stesso pane.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password