Carola Rackete: "Europa razzista, vuol far annegare i migranti anziché salvarli"

Le parole della Comandante della Sea-Watch 3 ad un anno dai fatti di Lampedusa: "Creata una politica di morte"

pubblicato il 29/06/2020 in Attualità da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

"Un anno fa, sono entrata nel porto di Lampedusa senza autorizzazione, dopo che il mio equipaggio e io abbiamo salvato 53 persone dal naufragio e dopo che tutta l'Europa ci ha abbandonato per più di due settimane. Il nostro equipaggio ha dovuto farlo come parte della flotta di soccorso civile perché l'Unione europea aveva ritirato tutte le sue navi, pur sapendo che i rifugiati in fuga dalla guerra in corso in Libia stanno tentando l'attraversamento". Così Carola Rakete alla Dpa.

"Il nostro equipaggio doveva essere in mare perché sappiamo che i diritti umani sono universali e il diritto marittimo non si preoccupa dei passaporti: ho pensato che dovevamo essere in mare non solo per effettuare il salvataggio, ma anche come segno di resistenza contro il razzismo strutturale delle autorità europee", ha aggiunto.

Questione Europa

"Come cittadini europei, dobbiamo interrompere questa politica! Dobbiamo abbattere la fortezza Europa, creata per far morire i poveri dalle coste del Mediterraneo dove nessuno li vede. Ci deve essere uguaglianza e libertà per tutti, per vivere e muoversi senza paura per la propria vita".

L'accusa

"Se vogliamo superare il razzismo strutturale, dovremmo iniziare ascoltandoli. Questo è il motivo per cui non farò interviste per l'anniversario della missione Sea-Watch 3 dell'anno scorso. Invece, chiedo a tutti di ascoltare coloro che l'Europa preferirebbe far affogare piuttosto che permettere di raggiungere le sue coste".

  • Argomenti:

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password