Nel 2019 sono state 37mila le neomamme costrette a lasciare il lavoro

pubblicato il 24/06/2020 in Attualità da Marica Marietti
Condividi su:
Marica Marietti

Il mondo del lavoro in Italia non è paritario. Il prezzo più caro lo pagano sempre le donne e in particolare le neomamme. Secondo i dati dell’Ispettorato del Lavoro, sono state 37 611 le lavoratrici con neonati a carico che nel 2019 sono state costrette a dare le proprie dimissioni. Al contrario i papà ad aver lasciato la propria occupazione per seguire la famiglia sono stati 13 947.

In totale, soltanto il 21% delle richieste di part time o flessibilità lavorativa per accudire i figli piccoli sotto i 3 anni sono state accolte. In valori assoluti, su 2085 sono state approvate 436 richieste. Ancora troppo poche. Sembra impossibile conciliare il lavoro e la famiglia, in special modo per le donne che sono già vittime di gender gap e ingiustizie di ogni tipo da parte dei datori di lavoro.

Per alcune di loro dedicarsi completamente ai figli è una scelta consapevole, voluta sinceramente o (purtroppo) dalla società in cui sono inserite, maschilista e che impone una certa pressione. Ma non sempre è così. Metter su famiglia è una decisione importante e ora sembra diventata un’impresa troppo ardua per le italiane che, già demoralizzate dallo scarso lavoro, si trovano alle prese anche con un'insufficiente considerazione della propria condizione di lavoratrici.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password