A settembre si torna a scuola, ma non valgono per tutti le stesse regole

pubblicato il 24/06/2020 in Attualità
Condividi su:

Anche la scuola riparte, ma le regole da seguire sono tante e diverse in base agli istituti.

Le proposte avanzate nella bozza di Linee guida per la ripartenza della scuola a settembre sono: riconfigurazione del gruppo classe in più gruppi di apprendimento; articolazione modulare di gruppi di alunni provenienti dalla stessa o da diverse classi o da diversi anni di corso; frequenza scolastica in turni differenziati; per le scuole secondarie di II grado attività didattica in presenza e digitale integrata; aggregazione delle discipline in aree e ambiti disciplinari; estensione del tempo scuola alla giornata di sabato.

Per la questione delle mense, ogni scuola può valutare l’opportunità di effettuare delle turnazioni, per evitare l’affollamento. In alternativa sarà possibile consumare il pasto in monoporzioni all’interno delle aule.

La reazione dei dirigenti scolastici alla bozza è critica: “il piano non contiene indicazioni operative né definisce livelli minimi di servizio ma si limita ad elencare le possibilità offerte dalla legge sull'autonomia, senza assegnare ulteriori risorse e senza attribuire ai dirigenti la dovuta libertà gestionale" sono le parole di Antonello Giannelli, a capo di Anp (Associazione Nazionale Presidi).

Le linee guida sul rientro a settembre saranno riprese domani nella conferenza Stato - Regioni.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password