Auto nuova: meglio diesel, benzina o GPL?

pubblicato il 10/08/2019 in Attualità
Condividi su:

Quando si acquista un’auto nuova, uno degli interrogativi che bisogna sempre porsi è quale tipologia di carburante sia più conveniente. Una volta che infatti si è sostenuta la spesa iniziale, tra le voci che incidono maggiormente sui costi per la manutenzione di un veicolo troviamo proprio il rifornimento. Non possiamo però basarci solamente sul prezzo di benzina, diesel e GPL per fare una scelta ragionata, perché il tipo di carburante incide in modo notevole anche sulle prestazioni dell’auto, sulle emissioni e sulla tipologia del motore.

Vale la pena quindi informarsi bene prima di scegliere per l’uno o l’altro modello, in modo da fare una scelta consapevole e conveniente.

Auto diesel: vantaggi e svantaggi

Il diesel è uno dei carburanti più diffusi al giorno d’oggi e può offrire diversi vantaggi, soprattutto dal punto di vista economico. Le auto alimentate a gasolio infatti sono meno costose da mantenere rispetto a quelle a benzina, perché il costo del diesel è inferiore. A questo vantaggio dobbiamo aggiungere anche le performance, che sono superiori nei veicoli alimentati con questo carburante ma è bene fare qualche precisazione. Acquistare una city car diesel può essere conveniente solo se si percorrono parecchi chilometri all’anno, mentre se la si utilizza per brevi spostamenti in città sarebbe meglio optare per la benzina. Un’auto sportiva e di cilindrata maggiore invece si rivela più performante se alimentata a gasolio perché il motore necessario per questo tipo di carburante è in grado di offrire prestazioni più elevate.

In sostanza quindi vale la pena scegliere un diesel se si viaggia molto, mentre conviene ancora un benzina se i chilometri percorsi in un anno sono inferiori a 20.000.

Auto a benzina: vantaggi e svantaggi

La benzina è il carburante più costoso in assoluto, ma questo non significa che sia da scartare a priori perché in determinate situazioni si rivela il migliore di tutti. Le auto a benzina hanno innanzitutto dei costi iniziali inferiori rispetto a quelle a diesel o GPL e necessitano di meno manutenzione. Per chi si sposta di frequente in città o vive in zone fredde, optare per un veicolo alimentato con questo carburante potrebbe rivelarsi la scelta migliore. Anche se il motore garantisce prestazioni inferiori infatti, in un’auto a benzina raggiunge la temperatura immediatamente e rischia di subire meno danni.

Auto a GPL: vantaggi e svantaggi

I veicoli alimentati a GPL presentano una serie di vantaggi non indifferenti, anche se il loro costo iniziale risulta più alto rispetto specialmente ai benzina. Il prezzo del carburante però è davvero competitivo e questo fattore non può certo essere trascurato. Il GPL inoltre garantisce delle buone prestazioni ed è pulito perché le emissioni nocive sono minime rispetto agli altri carburanti: non a caso chi ha un’auto a GPL può circolare liberamente anche nelle aree a traffico limitato. Di contro però i veicoli alimentati con questo carburante necessitano di una manutenzione costante: ogni 10 anni bisogna sostituire le bombole ed il loro costo non è certo indifferente. Va comunque valutato anche il fatto che si risparmia in modo notevole per il rifornimento.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password