Pali Enel in mezzo alla carreggiata: Abruzzo batte Spagna 4 a 1

Il caso spagnolo diventa virale, ma in Italia sappiamo fare di più

pubblicato il 15/01/2014 in Attualità da Francesco Bottone
Condividi su:
Francesco Bottone

Il palo della luce spunta in mezzo alla strada. La foto (la prima pubblicata in basso, ndr), scattata in Spagna, diventa virale, facendo milioni di contatti su internet. Ma qualcosa di molto simile, anzi di identico, avviene anche nell'Alto Vastese, nel Chietino in Abruzzo, sulla provinciale che collega l'abitato di Schiavi alla fondovalle Trigno.

 

In merito al caso spagnolo, le agenzie informano che:

Un clamoroso disguido tra la ditta appaltatrice che doveva costruire una nuova strada e l'azienda elettrica ha scatenato l'ilarità del web in Spagna. Ma c'è chi insinua il dubbio che si tratti di un fake. Ci troviamo a pochi passi da Ejea de los Caballeros, piccolo comune di circa 17 mila abitanti situato in Aragona, a 72 km da Saragozza. Una strada nuova di zecca, che collega il centro del piccolo paese con la zona industriale, è diventata l'oggetto dell'ironia di un intero paese e non solo della comunità autonoma.

Secondo quanto raccontato dagli abitanti di Ejea, l'azienda elettrica, come sollecitato dall'azienda che doveva costruire la strada, avrebbe dovuto spostare un palo dell'elettricità proprio per permettere di gettare l'asfalto. Quando sono arrivati gli operai, però, il palo era ancora lì. Ed ecco la soluzione: asfaltare comunque, e pazienza se il palo si trova proprio al centro dell'unica corsia di uno dei sensi di marcia. Per fortuna, la strada dev'essere ancora inaugurata e c'è tempo per rimediare al clamoroso errore.

Immediatamente la foto ha fatto il giro della Spagna, tra commenti ironici e amari. «È la metafora di un paese che non uscirà mai dalla crisi», scrive un utente su Facebook. Altri si sono scatenati con l'ironia: «Non capite nulla, è surrealismo». A quanto pare, poi, non si tratta di una novità, come racconta un uomo del luogo: «È già successo da queste parti, in una frazione di Ejea chiamata Rivas, ma con la differenza che allora la strada fu subito inaugurata e le auto circolavano evitando il palo».

Identica situazione che si registra a Schiavi di Abruzzo, come mostrano le inequivocabili immagini pubblicate. Dove anzi di pali, in mezzo alla carreggiata, ce ne sono molti di più, almeno tre o quattro. Insomma, Alto Vastese batte Spagna 4 pali a 1.

Una provinciale chiusa da oltre un anno e mezzo perché l'Enel non si decide a rimuovere quei pali. Una barzelletta. E nell'Alto Vastese, più che in Spagna, quei pali in mezzo ad una strada mai completata sono la metafora di un paese che non uscirà mai dalla crisi e l'ulteriore dimostrazione che la Provincia è un ente assolutamente utile.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password