Storica sentenza Corte Giustizia Europea: "No a rimpatri per chi in fuga da Paesi con rischio tortura o trattamenti inumani"

"Vanno qualificati come rifugiati indipendentemente dal fatto che lo status gli sia stato formalmente riconosciuto"

pubblicato il 14/05/2019 in Attualità da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
Immagine Google

Sentenza storica da parte della Corte di Giustizia Europea pubblicata oggi che specifica che in base al diritto internazionale, un rifugiato in fuga da un paese in cui è a rischio tortura o trattamenti inumani vietati dalla Convenzione di Ginevra, non può essere rimpatriato o respinto anche se lo status di rifugiato gli viene negato o revocato dallo Stato ospitante per validi motivi di sicurezza.

Pertanto "fintanto che il cittadino di un Paese extra-Ue o un apolide abbia fondato timore di essere perseguitato nel suo Paese d'origine o di residenza, questa persona deve essere qualificata come rifugiato indipendentemente dal fatto che lo status di rifugiato sia stato formalmente riconosciuto". 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza