Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

ferrara: nigeriani scatenati e violenti ,è emergenza sicurezza

Condividi su:

La forte presenza di richiedenti asilo di nazionalità nigeriana nella zona di Ferrara e in tutta l’Emilia-Romagna è al centro di un’interrogazione in question time in Assemblea legislativa di Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia). In particolare, il consigliere fa riferimento agli episodi accaduti il 16 febbraio scorso nella zona Gad di Ferrara, dove “alcuni nigeriani hanno rovesciato cassonetti in strada, rivolto minacce e lanciato oggetti contro i poliziotti, per il ferimento di un loro connazionale durante la fuga da un controllo delle forze dell’ordine perché in possesso di stupefacenti”.

Secondo Tagliaferri l’insediamento della mafia nigeriana in Emilia-Romagna – già rilevato dall’Osservatorio sulla criminalità organizzata dell’università di Milano- è diventato preoccupante e gli “episodi di cronaca legati alle associazioni etniche, agenzie di money transfer usati come copertura per traffici di droga e prostituzione sempre più offensivi”. Il fenomeno, secondo il consigliere, è stato “sottovalutato” dalla Regione e sinora “l’attenzione dedicata alla criminalità nigeriana è del tutto insufficiente”.

Su sollecitazione di Fratelli d’Italia, il 20 febbraio il Governo avrebbe assicurato un rafforzamento di organico nella Questura di Ferrara, ma Tagliaferri chiede alla Giunta “quali ulteriori iniziative intenda assumere per combattere il radicamento delle mafie straniere”. Il consigliere riporta anche l’esempio della Regione Lombardia che intende “siglare un accordo sulla sicurezza integrata con il Viminale e l’Anci – cornice di riferimento dei patti per l’attuazione della sicurezza urbana a livello territoriale”.

Il sottosegretario Gianmaria Manghi nega che la Regione non presti la dovuta attenzione al fenomeno e conferma invece l’impegno sempre attivo a “promuovere ogni possibile misura di prevenzione del crimine organizzato e mafioso, qualsiasi origine esso abbia”. Inoltre, specifica il sottosegretario, “ad oggi non risulta ancora sottoscritto alcun accordo con la Regione Lombardia, Ministero dell’Interno e Anci”. Tuttavia, continua Manghi, “la Regione Emilia-Romagna ha già concordato un ipotesi di accordo per la promozione della sicurezza integrata tra la prefettura di Bologna e la Regione stessa che è al vaglio degli uffici del Ministero dell’Interno per un’ultima verifica tecnica”.  Tagliaferri si dichiara però non soddisfatto della risposta del sottosegretario.

Condividi su:

Seguici su Facebook