Cesare Battisti arrestato in Bolivia, in Italia lunedì pomeriggio

Bonafede: “Sconterà l’ergastolo”. Estradizione lampo per l’ex terrorista

pubblicato il 13/01/2019 in Attualità da Redazione
Condividi su:
Redazione

Cesare Battisti rientrerà in Italia lunedì pomeriggio. L’aereo con a bordo l’ex terrorista dei Pac partirà della Bolivia e farà anche uno scalo tecnico. Poi l ministro della giustizia Alfonso Bonafede ha precisato in un tweet: "Sarà espulso dalla Bolivia e sconterà l'ergastolo". Intanto, un aereo del governo italiano con uomini dell'Aise - l'intelligence dell'estero e il cui contributo è stato fondamentale per arrivare all'arresto di Battisti - e investigatori della Polizia è decollato per la Bolivia.

"Rientrerà in Italia nelle prossime ore, con un volo in partenza da Santa Cruz e diretto a Roma. Poco fa ho sentito al telefono il Presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, che ho voluto ringraziare a nome di tutto il governo italiano per l'efficace collaborazione che ha portato alla cattura di Battisti". Lo scrive il presidente del Consiglio Giuseppe Conte su Facebook. "E allo stesso modo ringrazio le autorità boliviane. È un grazie con il quale sento di interpretare anche il sentimento delle famiglie delle vittime e di tutti coloro che chiedevano fosse fatta giustizia. Siamo soddisfatti di questo risultato che il nostro Paese sta aspettando da troppi anni", conclude.

L’ex terrorista è stato catturato in Bolivia da agenti boliviani con la collaborazione degli agenti dell’intelligence e dell’antiterrorismo italiani mentre camminava in una strada di Santa Cruz de La Sierra, nell'entroterra boliviano. Indossava baffi e barba finti. Secondo una fonte vicina all’inchiesta, Battisti odorava di alcol e aveva meno di due dollari in tasca al momento dell'arresto. L’ex capo delle Pac aveva dei documenti di identità rilasciati in Brasile, 10 bolivianos (1,4 dollari) in tasca e il suo "alito odorava di alcol", secondo la stessa fonte. Non ha tentato la fuga, agli agenti ha risposto in portoghese, poi è stato portato in caserma. La svolta nella cattura è stata data dalle intercettazioni nelle indagini coordinate dalla procura generale di Milano.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password

Video in evidenza