Maltempo, Borrelli: "Situazione apocalittica". Coldiretti: "Persi 14 milioni di alberi"

Zaia lancia l'allarme: "Veneto in ginocchio". Giorgetti: "Un milione per altopiano Asiago"

pubblicato il 03/11/2018 da Nicola Di Santo in Attualità
Condividi su:
Foto Corriere del Veneto

"Dobbiamo partire subito perché se dobbiamo attendere la conta dei danni ci attiveremo almeno tra due mesi. Abbiamo una sofferenza in tutta Italia, ma in questo territorio è molto più pesante". "La situazione è apocalittica, strade devastate, tralicci piegati come fuscelli". Queste le parole del Direttore del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale, Angelo Borrelli, all'incontro a Belluno con il presidente del Veneto, Luca Zaia, per un sopralluogo sulle zone colpite dal maltempo. 

Maltempo che ha distrutto gran parte del patrimonio boschivo delle zone colpite. Secondo le stime di Coldiretti insieme a Federforeste, l'ondata di piogge ha provocato "la strage di 14 milioni di alberi compromettendo l'equilibrio ecologico e ambientale di vaste aree montane e mettendo a rischio la stabilità idrogeologica".

Intanto il Dipartimento della Protezione Civile ha esteso l'allerta arancione in sei Regioni: Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Emilia-Romagna, Sicilia, sui versanti jonico e tirrenico meridionale della Calabria e sui bacini sud-occidentali e centro-meridionali della Sardegna.

Una prima sostanziale iniezione per recuperare il patrimonio boschivo arriva dal sottosegretario Giancarlo Giorgetti, che ha deciso di destinare alla zona del Veneto un milione di euro. "Apprendo con particolare dispiacere - scrive Giorgetti al governatore Zaia - delle eccezionali circostanze di maltempo che si sono abbattute sulla Regione Veneto e che hanno devastato, tra l'altro, i boschi dell'Altopiano di Asiago".

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con la tua mail

Video in evidenza