Battisti ottiene la libertà: i giudici accolgono l'habeas corpus

Il latitante era stato arrestato due giorni fa

pubblicato il 07/10/2017 in Attualità da Samantha Ciancaglini
Condividi su:
Samantha Ciancaglini

Arrestato due giorni fa, il latitante per eccellenza ha oggi ottenuto la libertà provvisoria. Il giudice ha accolto la richiesta dei legali del Habeas Corpus.

Partiamo dal principio, da mercoledì, quando Cesare Battisti, presente in Brasile dal 2004, è stato bloccato nella città di Corrumbà,al confine tra il Brasile e la Bolivia, mentre stava tentando di fuggire in Bolivia.

L'Italia aveva cheisto al Brasile, nel 2015, di ottenere l'estradizione di Battisti: in contumacia, il leader comunista, è stato condannato per quattro omicidi commessi negli anni di piombo. Ma l'allore presidente brasiliano, Luiz Inacio Lula da Silva,, negò l'estradizione accordandolgi lo status di rifugiato.

Oggi, il giudice José Marcos Lunardelli del Tribunale Federale Regionale ha concesso la libertà provvisoria dopo la richiesta avanzata dai legali dell'ex terrorista che avevano presentato un ricorso per 'habeas corpus' a favore di "un immediato rilascio di Battisti". Il giudice ha imposto a Battisti di presentarsi ogni mese per dimostrare la sua effettiva presenza nel luogo in cui risiede, che non potrà lasciare senza autorizzazione della giustizia.

Anche se, dalle voci che circolano, sembrerebbe che Battisti venga estradato dal Brasile e che debba tornare in Italia. Ma queste sono tutte ipotesi.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password