Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Discorso di Draghi: "I giovani vogliono un lavoro, non sussidi"

Il discorso in diretta, dal Trinity College di Dublino

Condividi su:

Mario Draghi, presidente della Bce, incanta l'aula del Trinity Collage di Dublino. Un discorso fresco, semplice, un discorso sui giovani e il lavoro. "Più formazione per i giovani, vogliono lavorare, non vogliono sussidi".

"Per affrontare le cause strutturali della disoccupazione giovanile, sono necessarie forme di protezione omogenee tra i lavoratori, accordi di lavoro flessibili, programmi di formazione professionale efficaci, un elevato grado di apertura del commercio e sostegni per ridurre i costi sociali della mobilità." 

Draghi esorta i governi a rispondere alle richieste dei giovani; molti, i paesi europei, in cui la disoccupazione giovanile è scesa, ma tante sono ancora le cose da fare, "I giovani non vogliono vivere con i sussidi. Vogliono lavorare ed allargare le proprie opportunità ed oggi, dopo la crisi, i governi sanno come rispondere alle loro richieste e come creare un ambiente in cui le loro speranze possano avere una opportunità".

Draghi ha spiegato che "dal picco del 24% nel 2013, la disoccupazione giovanile è scesa intorno al 19% nel 2016 ma è ancora di circa 4 punti percentuali più alta rispetto all'inizio della crisi nel 2007". Il presidente della Bce ha però puntualizzato che "nel 2016 circa il 17% dei giovani tra i 20-24 anni non studia, non lavora e non fa formazione".

Insomma manca formazione, paesi come Germania o Austria "Sono riusciti a mantenere bassa la disoccupazione giovanile grazie ad efficaci programmi di formazione professionale e piani mirati ai giovani più svantaggiati""La segmentazione del mercato del lavoro e una scarsa formazione professionale sono tra i principali motivi dell'elevato tasso di disoccupazione giovanile persistente in diversi Paesi colpiti gravemente dalla recessione come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo".

"Non perdete mai il vostro coraggio", queste le parole del Presidente alla domanda di una studentessa su quali consigli dare ai giovani, "Rimanete curiosi, imparate dal mondo, la curiosità è ciò che spinge a esplorare nuove opportunità professionali e ambienti diversi e ad essere creativi".

Condividi su:

Seguici su Facebook