Verbicaro: lettera anonima contro una nota giornalista calabrese

Francesca Lagatta ieri ha ricevuto un'amara sorpresa che non l'ha certo distolta dai suoi intenti professionali

pubblicato il 01/02/2017 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Francesca Lagatta valida collaboratrice di Notizie Nazionali e nota professionista dedita al giornalismo di inchiesta in Calabria dopo aver dato notizia lo scorso 25 marzo di un’ irruzione in banca degli uomini in divisa avvenuta il 9 marzo al banco di Credito Cooperativo di Verbicaro (CS) ha dovuto subire l’inferno: querele, minacce, post denigratori.

Vessazioni che si sono  intensificate, quando  il giudice , nell’agosto 2016 conferma l’indagine e le dà completamente ragione, con una sola specifica che il giudice aggiunge nel mese di gennaio di quest’anno: ordinando a Francesca Lagatta  di precisare che non fu la direzione distrettuale antimafia  a fare l’irruzione nella banca, ma il nucleo valutativo tributario di Reggio Calabria. Il  giudice ha poi specificato che l’inesattezza non ha cambiato il senso dell’articolo e quest’ultimo non deve quindi essere rimosso dal web, perché dice il vero.

Le nubi sembravano diradate ma ieri invece è apparsa una lettera anonima in ogni dove nel paese di Verbicaro, sui muri,  sulle panchine, per terra, vicino ai bar, alle stazioni, alle poste, nei  luoghi più affollati insomma con preghiera di diffusione perchè tutti sapessero che Francesca Lagatta, tra le altre cose, è  stata pagata dai mafiosi per scrivere.

La giornalista commenta così la vicenda: “Sono già a lavoro da tempo per ricostruire la seconda parte dell'inchiesta. La lettera di ieri mi ha solo spinto ad accelerare i tempi di uscita: vuol dire che la direzione è quella giusta. Per il resto non temo nulla, chi mi conosce sa che avrei potuto arrivare ovunque se avessi accettato compromessi come altri miei colleghi, ma io la schiena che piuttosto si spezza ma non si piega. Le offese e le accuse contenute nella lettera sono per me medaglie al merito.”

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password