Emergenza Centro-Italia. Gentiloni: “tutte le istituzioni mobilitate”. Bertolaso polemico: “E' stato distrutto il sistema della Protezione Civile”

Per la Presidente della Camera Laura Boldrini non è il momento delle polemiche. Secondo Bertolaso, tuttavia, non si capisce chi comanda.

pubblicato il 19/01/2017 in Attualità da Tino Colacillo
Condividi su:
Tino Colacillo

Questa mattina il Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni si è recato a Rieti presso il quartier generale della Protezione Civile dove ha incontrato il Fabrizio Curcio per fare il punto della situazione. “Siamo tutti con il fiato sospeso per quello che è successo ieri sera con la valanga che ha colpito l’albergo Rigopiano” ha detto Gentiloni nella conferenza stampa. “Abbiamo visto i video di come stanotte gli operatori di soccorso hanno raggiunto quell’albergo – ha continuato il Premier- . I video sono non solo testimonianza dell’abnegazione e del coraggio di questi operatori ma anche delle condizioni difficilissime in cui si sta lavorando in quella situazione”. 

Per Gentiloni siamo di fronte “a una tenaglia senza precedenti tra un fenomeno meteorologico e di nevicate di una intensità che non si ricorda addirittura da decenni” e “dall’altra parte le scosse sismiche di ieri di un’intensità molto elevata”. “Purtroppo questi due fenomeni si amplificano a vicenda”  e “di fronte a questa morsa tutte le istituzioni dello stato si sono mobilitate” ha proseguito Gentiloni il quale ha ribadito che “tutti sono impegnati al massimo delle loro possibilità” ed è stato chiesto all’Esercito un “impegno particolare”.

Questa mattina la Presidente della Camera Laura Boldrini ha incontrato i presidenti dei Consigli regionali delle regioni terremotate. Secondo la Boldrini questo “non è il tempo per fare polemiche. Bisogna essere uniti e agire bene per rispondere a bisogni popolazioni colpite” anche se non “non sono tollerabili inefficienze e ritardi sugli aiuti".

Di diverso avviso sembra essere l’ex Capo della Protezione Civile Guido Bertolaso il quale non ha lesinato critiche alla gestione dell’emergenza terremoto/neve. Intervistato dal programma “L’Aria che tira” di La7, questa mattina Bertolaso ha detto: “Sono molto arrabbiato per il ritardo dei soccorsi, non è la Protezione Civile che avevamo messo in piedi e che si è guadagnata medaglie internazionali". Bertolaso è intervenuto polemicamente sulla struttura e la divisione delle competenze nella Protezione Civile: “Tra Curcio ed Errani chi comanda? Chi è oggi il responsabile della gestione delle emergenze nel nostro paese? Chi è che da gli ordini? Chi è che deve mettere in piedi tutte le attività di previsione per evitare che la turbina arrivi 48 ore dopo che è cominciata la nevicata? Il governo deve rispondere a questo: chi comanda oggi in Italia nel campo della gestione delle emergenze”. Durante la trasmissione anche il geologo Enzo Boschi ha messo in discussione la nomina del Commissario alla ricostruzione Errani. “Non si capisce perché sia stano nominato” ha detto Boschi.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password