Clochard muore ad Avellino, difficoltà sulle strade e ancora neve sulle zone terremotate e sulla costa

Il forte vento ha causato danni alla Basilica di Loreto e forti difficoltà alla navigazione e ai collegamenti con le Eolie

pubblicato il 06/01/2017 in Attualità da Tino Colacillo
Condividi su:
Tino Colacillo

- Una vittima del freddo ad Avellino

Il freddo artico cha attanagliando gran parte dell’Italia ha fatto una vittima. Si tratta di un clochard di 44 anni morto ad Avellino per assideramento. L’uomo, originario di Visciano in provincia di Napoli, da anni si rifugiava in una struttura commerciale abbandonata nel centro della città insieme ad altre persone. Ed è stato proprio un amico che viveva nel capannone a ritrovare il 44enne deceduto.

- Nevica ancora sulle zone terremotate

Nella zona di Norcia sono caduti fino a 10 centimetri di neve mentre sul versante marchigiano nevica ancora a Visso, Arquata del Tronto, Ussita, Castelsantangelo sul Nera. Particolarmente critica è la situazione nelle frazioni dove sono rimasti gli allevatori. Qui la neve sta causando ulteriori ritardi nella costruzione delle stalle mobili per il bestiame. In alcune località colpite dal sisma la temperatura è scesa anche di molto sotto lo zero: a Visso -6° e  ad Arquata del Tronto fino a -8°. La Protezione Civile ha fatto sapere che al momento le strutture che ospitano i mezzi e il personale di soccorso non hanno subito danni e non ci sono stati ulteriori crolli sugli edifici lesionati.

- Neve sulle Isole Eolie

A causa del forte vento e del mare mosso i collegamenti tra la Sicilia e le Isole Eolie sono interrotti. Difficoltà di approvvigionamento di beni essenziali e viveri per le isole di Stromboli e Vulcano. Sulla prima ossigeno e medicinali sono stati portati dalla Guardia Costiera mentre a Vulcano l’acqua è stata garantita dalla nave cisterna Attilio Ievoli" della Marnavi da Napoli.  Sui monti Quattropani e Pianoconte di Lipari è comparsa addirittura la neve.

- Danneggiata da Basilica di Loreto

Le raffiche di vento fino a 80 chilometri orari che stanno investendo le zone adriatiche hanno provocato danni alla Basilica di Loreto. Diversi metri quadrati della copertura di piombo della cupola erano stati divelti dal vento con il rischio di cadere sulla strada. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco che, nonostante le difficoltà legate alle raffiche di vento, hanno messo in sicurezza la struttura.

- Neve al Centro-sud e sulla costa. Difficoltà alla viabilità.

A Napoli sono caduti fiocchi di neve nel centro cittadino senza però attecchire sulla strada. Ancora imbiancata la cima del Vesuvio. Per tutta la settimana l’inizio della prossima la Protezione Civile della Campania ha diramato una nuova allerta meteo che prevede nevicate su tutta la Regione e in particolare nell'Alto Volturno e nel Matese. Resta alto anche il rischio di gelate. Anche la Puglia è interessata da precisazioni nevose anche in zone insolite. Le zone costiere sono spazzate da un vento gelido e molto forte e a Mola di Bari un peschereccio in rientro ha avuto difficoltà ad attraccare rischiando l’urto con altre imbarcazioni ormeggiate. La neve è caduta oltre che Subappennino Dauno e nel Gargano anche a Lecce seppure per pochissimo tempo. In Puglia la viabilità sta subendo diversi momenti critici con incidenti come sulla statale 16 Bari – Foggia. Da ieri nevica anche su tutta la Basilicata dove in alcune zone del potentino le temperature sono scese a -10°. A causa della neve, arrivata fin sulla costa Jonica, sono stati segnalate difficoltà nel traffico sulle arterie Tito-Brienza, Potenza-Melfi e Potenza-Sicignano degli Alburni. Particolarmente colpite dalle nevicate abbondanti sono l’entroterra abruzzese e molisano con forti disagi sulla viabilità minore e diversi centri montani isolati.

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password