Terzo valico ferroviario Genova-Milano: 14 arresti

La Guardia di Finanza sta arrestando imprenditori e diigenti coinvolti nella costruzione del terzo valico ferroviario Genova -Milano

pubblicato il 26/10/2016 in Attualità
Condividi su:

Quattordici le persone arrestate nell'ambito dell'operazione che vuole far chiarezza sui lavori per la costruzione del Terzo Valico ferroviario Genova-Milano. Agli indagati vengono contestati, a vario titolo, i reati di corruzione, concussione e turbativa d'asta. Gli uomini della Guardia di Finanza stanno eseguendo perquisizioni in tutta Italia, per un totale di venti indagati.  I dettagli dell'operazione saranno spiegati bene durante la conferenza stampa che si terrà alle 11,30 alla procura di Genova.

La linea ad alta velocità denominata "Terzo Valico di Giovi"  collegherà Genova a Milano e dovrebbe essere pronta per il 2021. Il Tav ligure è un'opera che vale 6,2 miliardi e ha l'obiettivo di potenziare i collegamenti del sistema portuale della Liguria con le principali linee ferroviarie del nord Italia e il resto d'Europa.

Si sviluppa lungo 53 chilometri, di cui 37 in galleria. Il Cipe ha fissato un limite di spesa di 6,2 miliardi per il consorzio Cociv - un colosso di cui fanno parte Salini Impregilo, Condotte e Civ - che dovrà realizzare i sei lotti.


  

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password