Il Fertily Day non è piaciuto

Gli slogan pro fertilità della Lorenzin non hanno incontrato il favore del pubblico

pubblicato il 01/09/2016 in Attualità da Valentina Roselli
Condividi su:
Valentina Roselli

Valanga di critiche e di rivisitazioni ironiche sui social per la campagna fertilità indetta dal ministro dalla Salute Beatrice Lorenzin, con cartelloni che mostrano una donna con in mano una clessidra e  la scritta: 'Sbrigati, non aspettare la cicogna' o 'La fertilità è un bene comune'.
Slogan che secondo molti colpevolizza che le donne non hanno fatto figli, sulla stampo della retorica fascista e si intromette in una sfera estremamente delicata e privata.

Anche Saviano scende nell'arena e chiosa: "In un Paese con il tasso di disoccupazione come quello italiano, dove chi ha talento, ambizioni e speranze emigra , dove chi non ha la solidità economica di un famiglia che possa garantire studi e accesso alla professione, lascia il Paese, sembra una presa in giro".

L’autore di Gommorra prosegue dando voce a un vasto pubblico che la pensa come lui "Se vuoi creare una società che scommette sul futuro e fa figli devi creare le condizioni strutturali: gli asili nido, la conciliazione col lavoro. Le persone fanno figli se possono finalmente avere un lavoro a tempo indeterminato, investire su un mutuo, avere l'asilo nido sotto casa. Questa è la vera campagna. Non conosco nessuno dei miei amici che fa un figlio perchè vede un cartellone pubblicitario. Conosco quelli che mi dicono 'Come faccio se non ho i nonni, se sono precario...".

Matteo Renzi, a proposito della campagna afferma dai microfoni di Rtl 102,5: "Non sapevo niente di questa campagna, non l'ho neanche vista. Avevamo problemi più importanti da seguire La questione demografica "esiste ma vanno create le condizioni perché ciascuno possa scegliere come e quando fare figli. Abbiamo fatto anche interventi fiscali, ma servono le condizioni strutturali. Litigare su una campagna di comunicazione, non credo sia un tema", ha concluso sul punto Renzi.
 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password