Partecipa a Notizie Nazionali

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Allarme attacchi terroristici nelle spiagge, 007 italiani smentiscono

Condividi su:

 

 

Secondo quanto riportato dal quotidiano tedesco "Bild", un'informativa dei servizi segreti italiani e tedeschi avrebbe messo in guardia da dei possibili attentati terroristici nelle spiagge dei paesi europei.


Stando a quanto riportato da diversi media e quotidiani nazionali e internazionali, la prima segnalazione del pericolo deriverebbe dal Senegal, dove i miliziani dell'Isis starebbero addestrando cellule di jihadhisti pronti a colpire i turisti di Italia, Spagna e Francia e nelle spiagge d'Europa travestiti da "venditori ambulanti".


Sembra che la notizia sarebbe stata diffusa da un funzionario della polizia del paese africano, Seck Pouye, che avrbbe sostenuto che "Vogliono colpire le spiagge italiane, francesi e spagnole sfruttando alcuni ambulanti radicalizzati. Gente insospettabile che fa la spola tra l'Italia e il Senegal, apparentemente per il lavoro".

C'è da segnalare che negli ultimi giorni lo "scoop" ha avuto una discreta diffusione in alcuni dei principali media e quotidiani italiani, tra cui "Libero","il Giornale", "la Stampa", "Blitz Quotidiano" e così via, ma stando a quanto sostenuto da "Wired" e "Bufale.net" potrebbe trattarsi di una notizia alquanto "allarmistica" e di dubbia provenienza.

Tra l'altro, viene messa in dubbio quella che è considerata come la principale fonte della notizia, ovvero Seck Pouye, che secondo un articolo di "Wired" non sarebbe altro che il responsabile della polizia cittadina di Saly e non un'alto funzionario come poteva sembrare dai toni dello "scoop".


Comunque, secondo quanto riportato da diversi quotidiani, tra cui lo stesso "Giornale" e il "Fatto Quotidiano", gli 007 italiani hanno smentito lo "scoop" della Bild, sostenendo che tale notizia sarebbe "destituita di fondamento" e che non hanno mai inviato alcuna informazione in merito alle eventuali possibilità di attacchi terroristici nelle spiagge.

 

Condividi su:

Seguici su Facebook