ACCENDIAMO IL MEDIOEVO

Festival contemporaneo ed errante tra eremi, borghi, torri e campanili

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 15/07/2022 in Arte e Cultura da maria luisa abate
Condividi su:
maria luisa abate

Licio di Biase Presidente Associazione Pescaratutela e Direttore artistico Accendiamo il Medioevo presenta la nuova edizione del Festival contemporaneo che si svolgerà dal 17 luglio al 14 settembre 2022 e i Personaggi che saranno presenti nelle varie serate in 14 Comuni della Provincia di Pescara.

La nostra Associazione, dal luglio del 2019 fino alla scorsa estate, ha sperimentato un evento dal titolo “ACCENDIAMO IL MEDIOEVO - Festival contemporaneo ed errante tra eremi, borghi, torri e campanili”, che ha coinvolto sempre una dozzina di Comuni del pescarese. Il risultato è stato positivo in quanto questo anno i Comuni saranno 14 e addirittura l’area Casauriense è pronta ad una propria iniziativa di valorizzazione del medioevo e soprattutto per rendere pienamente fruibile S. Clemente a Casauria, gioiello del Patrimonio culturale abruzzese.

Per la prima volta è stato possibile veicolare una stessa idea progettuale in realtà diverse. L’obiettivo di questo evento era (ed è) quello di sollecitare le istituzioni a rendere fruibile e riconoscibile il nostro vasto Patrimonio culturale di origine medioevale. Per l’estate del 2022 questo progetto si rafforzerà in quanto i Comuni sono tredici della Provincia di Pescara e ci sarà anche un Comune, Fossacesia, di fondamentale importanza nella riconoscibilità del Medioevo abruzzese con S. Giovanni in Venere.(PE)

“Accendiamo il medioevo”, come nelle precedenti edizioni, si pone l’obiettivo, attraverso eventi culturali, sia storici che contemporanei, di sollecitare le istituzioni, le organizzazioni, i giovani e tutti coloro che possono avere voce in capitolo ad attivarsi per estendere la conoscenza del nostro Abruzzo, per far vivere un territorio unico, per esaltare questi elementi identitari e culturali, per esaltare un territorio ricco di prodotti genuini, in un ambiente incontaminato tra boschi e corsi d’acqua. Terra di eremi, borghi, torri e campanili.

Un mondo da conoscere e da vivere. Con questo evento rendiamo riconoscibile un mondo affascinante che sta sotto i nostri occhi, ma che non sappiamo leggere, così come sottolineava Gabriele D’Annunzio che, nel “discorso della siepe” a Pescara, il 22 agosto 1897, a conclusione della sua campagna elettorale, disse:

“Tale è la verità, che io sono fiero e lieto di enunciare oggi al cospetto d’un popolo, pur contro la derisione dei beoti: - La fortuna d’Italia è inseparabile dalle sorti della Bellezza, cui ella è madre. Tale è la verità sovrana che noi miriamo, come l’imminente sole di quella divina e remota patria ideale dove peregrinò Dante".

EDIZIONE 2022 – I PERSONAGGI

Saranno presenti:

Vittorio Sgarbi

Ormai sempre presente in questo evento dal sapore storico-culturale. Questo anno il 27 agosto

sarà nel pomeriggio a Penne e in serata a Città S. Angelo, con un programma ben definito.

PENNE – ORE 17/19

ORE 17 – Visita Convento di Colle Romano

ORE 17.30 – Visita Chiesa di San Giovanni con il Convento delle Suore Gerosolomitane

ORE 18 – Intervento pubblico nel Chiostro di S. Domenico:

Riflessione sul Patrimonio medioevale di Penne.

Presentazione del volume “RAFFAELLO UN DIO MORTALE”

CITTA’ SANT’ANGELO – ORE 19.30/22

ORE 19.30 – Visita Collegiata di San Michele

ORE 20.00 – Visita Chiesa di Santa Chiara

ORE 21 – Intervento Pubblico nel Chiostro di S. Francesco:

Riflessione sul Patrimonio medioevale di CITTA’ SANT’ANGELO.

Presentazione del volume “RAFFAELLO UN DIO MORTALE”

Osvaldo Bevilacqua e sua moglie Sandra Jacopucci

Visiteranno il 2 agosto Catignano e Pianella soffermandosi sugli elementi storico-culturali e assaporando nei centri storici la ricchezza dell’enogastronomia della collina pescarese con in primo piano il vino e l’olio.

Sandra Milo

Ricorderà, il 31 luglio a Catignano, Ennio Flaiano a 50 anni dalla scomparsa, insieme a Milo Vallone e Licio Di Biase. Sandra Milo è un’artista che ha conosciuto Flaiano.

Federico Moccia

Interverrà a Roccacaramanico per parlare della sua produzione letteraria, ma per sottolineare anche la valorizzazione dell’Abruzzo, una Regione che ben conosce in quanto è stato per cinque anni Sindaco di Rosello. Dialogherà con Mila Cantagallo.

Vincenzo Olivieri

Riproporrà il suo spettacolo dal sapore abruzzese “Non è mai troppo Abruzzo: vi insegno la bellezza” che dopo le dieci repliche dello scorso anno sempre nel Festival “Accendiamo il Medioevo”, proseguirà in questa edizione con sei repliche. Uno spettacolo unico nel suo genere che avvicina la gente al territorio.

Inoltre, sarà molto interessante l’iniziativa del 20 luglio a Pescara in cui si porterà a conoscenza della città l’unico elemento medioevale ancora visibile: i resti del Convento di S. Agostino del XIII/XIV secolo, situato in Via Orazio, per cui si cercherà un percorso di salvaguardia.

E poi Federica Vicino con i suoi spettacoli teatrali a cura di “Officine solidali Teatro” ...e poi Maurizio Di Fulvio, Mila Cantagallo, Daniela D’Alimonte, Pasquale Veleno e tanti altri, tutti pronti a valorizzare il vasto patrimonio medioevale del nostro territorio ... così come sottolineava Gabriele D’Annunzio che, nel “discorso della siepe” a Pescara, il 22 agosto 1897, a conclusione della sua campagna elettorale, disse:

“Tale è la verità, che io sono fiero e lieto di enunciare oggi al cospetto d’un popolo, pur contro la derisione dei beoti: - La fortuna d’Italia è inseparabile dalle sorti della Bellezza, cui ella è madre. Tale è la verità sovrana che noi miriamo, come l’imminente sole di quella divina e remota patria ideale dove peregrinò Dante".

Associazione Culturale Scep/Pescaratutela - ASP

www.terzomillennio.eu

www.liciodibiase.it

segreteria.dibiase1@gmail.com

liciodibiase@libero.it

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password