“Il sorriso della luna” di Klaus Zambiasi ora anche in tedesco

Il fortunato romanzo d'esordio (2015), già disponibile in inglese e in slovacco, uscirà anche in traduzione tedesca. È l'occasione per riscoprire lo scrittore-pittore altoatesino.

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 06/01/2022 in Arte e Cultura da inpress
Condividi su:
inpress
copertina Il sorriso della luna

Klaus Zambiasi è nato a Castiglione delle Stiviere in provincia di Mantova ma vive e lavora in provincia di Bolzano. Appassionato di pittura e di scrittura, ha lavorato nella pubblica amministrazione, prima di trasferirsi a Bratislava e mettersi in proprio nel settore immobiliare turistico. Nella capitale della Slovacchia ha scritto "Il sorriso della luna", ispirato a una storia realmente accaduta. Il libro, pubblicato nel 2015, è stato già tradotto in inglese e in slvovacco. A breve sarà pubblicato anche in tedesco. La nuova traduzione offre l'occasione per conoscere lo scrittore-pittore altoatesino. Sua l'immagine di copertina, tratta da un olio su tela dipinto nel 2007. 

Il romanzo è ambientato a Castelrotto, piccolo comune ai piedi dell'Alpe di Siusi, in provincia di Bolzano, nell'aprile 1970. Una tragedia improvvisa, non meglio precisata, scuote la comunità montana. L'autore accenna in termini vaghi all'accaduto. Il lettore tenga a mente questo antefatto. La tragedia, come un fiume carsico, riaffiorerà in superficie solo nell'ultimo capitolo. Tra l'inizio e la fine del romanzo, si incastra la vicenda di Joe, il giovane protagonista. L'autore, in una recente intervista, ha dichiarato che nel libro c'è molto di autobiografico.

Trascorrono quattro anni dal tragico antefatto. La narrazione riprende, cambiando completamente registro. A parlare in prima persona ora è proprio Joe. Egli è ignaro di tutto e ripercorre, come in un diario, le emozioni, i pensieri, i timori, le angosce, i sogni e le speranze che lo accompagnano nel suo viaggio attraverso la vita, dall'infanzia all'età adulta. Il racconto abbraccia un arco temporale che va dalla prima metà degli anni Settanta alla fine degli anni Novanta.

L'infanzia trascorre felice con la famiglia su in montagna, tra prati, boschi e ruscelli, in mezzo alla natura e all'aria buona. Un giorno, scopre che quella con cui è cresciuta non è la sua famiglia d'origine e quelli non sono i suoi genitori naturali. C'è, infatti, una seconda famiglia a Bolzano che lo vuole con sé. È quella del suo vero padre, che si è risposato. Ma le domande che il piccolo si pone sono tante.

Gli unici punti fermi, nell'incertezza di quei momenti, sono il volto noto e amato della nonna, alla quale lo lega uno speciale rapporto, e il ciclico sorriso della luna alla quale può confidare i suoi pensieri più reconditi. Tuttavia, la dolorosa separazione familiare, le difficoltà di ambientarsi nel nuovo contesto e il persistente mistero sulle sue origini conferiranno al protagonista una precoce coscienza di sé e un carattere forte. 

Il tormento interiore per la ricerca della verità sulle origini costituisce il fil rouge del romanzo. Una ricerca, la sua, condotta non in maniera sistematica, ma affidandosi all'invisibile regia di un Destino che riveste di apparente casualità eventi, incontri o particolari rivelatori.

Gli anni, intanto, volano via veloci: la scuola alberghiera a Merano, il lavoro al campeggio, la caserma e la leva militare, i primi amori giovanili. L'autore tratteggia con rapide ed efficaci pennellate ambienti e atmosfere dell'epoca: fatti e avvenimenti collettivi, successi musicali film cult, trasmissioni televisive, modelli di auto più popolari e campionati mondiali di calcio immergono il lettore nato negli anni Settanta nel clima del tempo, tra ricordi emozionanti e un pizzico di nostalgia.

Con una prosa "pittorica" e una sensibilità capace di restituire le sfumature nascoste tra le pieghe dell'anima del protagonista, Zambiasi accompagna il lettore per mano fino alla rivelazione finale. Nell'ultima pagina, uno scarno articolo di cronaca si riallaccia all'antefatto, illumina retrospettivamente l'intero romanzo e ne rende chiaro il significato. Esso può riassumersi nell'invito a non arrendersi, a credere in se stessi, nella vita e nelle persone. Nonostante tutto. 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password