"Il bivio" di Imma Pontecorvo.

L'ultima fatica letteraria dell'autrice sorrentina

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 16/12/2020 in Arte e Cultura da Daisy Raisi
Condividi su:
Daisy Raisi

Il tema della sicurezza stradale è di sicura attualità e interesse. Fra i più colpiti dalla piaga degli incidenti su strada l’ultimo rapporto Istat annovera un numero crescente di giovani, in controtendenza con il dato globale, che da due anni consecutivi segnala un lieve calo.

Con l’occhio vigile e attento che la contraddistingue, l’autrice Imma Pontecorvo dedica l’ultima fatica della sua vasta produzione letteraria a sfondo sociale, proprio a questo tema, per sensibilizzare i ragazzi alla guida sicura evitando leggerezze che potrebbero produrre un impatto molto negativo.

Non c’è miglior modo per insegnare dell’esempio, e così la scrittrice sorrentina tramite le vicende dei protagonisti del suo racconto, il ventenne Giovanni e il diciassettenne Fabrizio, mostra ai giovani lettori i deleteri effetti di comportamenti dettati da impulsività e imprudenza, perché tanto ancora si può e si deve fare per prevenire e arginare questo terribile fenomeno.

Basta anche solo un’inezia per vedere la propria e altrui esistenza compromesse in maniera grave e, magari anche definitiva: questo è il messaggio lanciato ne “Il bivio”, che Imma Pontecorvo riesce a far arrivare con veemenza ed efficacia al lettore spingendolo a riflettere su quanto la vita sia un dono straordinario e, come tale, vada assolutamente difeso e preservato.

Un racconto di notevole spessore e valenza socio-pedagogica, da diffondere in tutte le scuole, e su cui sviluppare un dibattito, affinché certi tragici eventi non abbiano più a ripetersi.

 

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password