16 aprile 1821

Massacro di Costantinopoli Orchestrata dalla autorità islamiche ottomane contro la comunità cristiana

Articolo di giornalismo partecipativo pubblicato il 16/04/2020 in Arte e Cultura da Filippo Ortenzi
Condividi su:
Filippo Ortenzi

Il 16 aprile le chiese ortodosse ricordano le vittime del massacro di Costantinopoli, perpetrato dalle autorità mussulmane nel 1821 contro la locale comunità cristiana. Non appena giunse a Costantinopoli, capitale del Sublime Stato Ottomano (noto anche come Impero Ottomano o Sublime Porta) la notizia che ribelli cristiani greci, al comando di Alessandro Ypsilanti avevano iniziato la guerra d'indipendenza e che le  forze d'occupazione turche avevano subito rovesci in Moldavia, nelle città rumene di Iasi e Galati e che tutto il sud della Grecia era in rivolta, il Sultano Mahmud II ordinò al Gran Visir l'arresto degli esponenti del clero greco-ortodosso costantinopolitano, accusato di connivenza con i ribelli. La popolazione islamica, fomentata dai soldati del Sultano, assaltò chiese, negozi ed abitazioni della comunità cristiana abbandonandosi a rastrellamenti dei cristiani ed ad esecuzioni sommarie. Nonostante il Patriarca Gregorio V, per proteggere i cristiani romei (romani di lingua greca dell'Anatolia e non greci come erroneamente vengono definiti anche nei libri di storia) avesse scomunicato i ribelli durante la domenica delle palme il Sultano era furioso contro i cristiani, tanto che ordinò allo Skeykh ul-Islam (massima autorità dell'Islam sunnita dell'impero) l'emissione di una fatwa (sentenza) che autorizzava le truppe ottomane a sterminare tutti i cristiani di Costantinopoli. Se il massacro non fu completo si deve proprio allo Skeykh ul-Islam Aci Halil Efendi il quale, essendosi rifiutato di emettere detta Sentenza, fu per detta ragione sollevato dall'incarico, torturato e ucciso, raro esempio di islamico non fondamentalista che forse sarebbe stato inviso al potere politico anche nell'attuale Turchia islamista di Erdogan. Il massacro terminò con l'impiccagione del Patriarca ecumenico Gregorio V e la decapitazione del dragomanno (funzionario che teneva i rapporti tra il Patriarcato e il Sultano) Kostantinos Mourouzis. Non fu permesso ai cristiani  di fare celebrare le esequie e seppellire il corpo del Patriarca che fu gettato, per spregio, nelle acque del Bosforo.

Mons. Filippo Ortenzi                                                                                                                                                                                                                                                 

Arcivescovo Metropolita della Chiesa Ortodossa Italiana                                                                                                                                                                                                       

tel. +39 0621119875 – cell. +39 3917065512  - email: chiesaortodossaitaliana@gmail.com 

Sito Web: https://www.chiesa-ortodossa.com 

Blog: https:// italiaortodossaa.blogspot.com                                                                                                                                                                                                                       

Facebook: https://www.facebook.com/chiesaortodossaitaliana                                                                                                                                                                                       

WK.com : https://vk.com/id561953253                                                                                                                                                                                                                             

Twitter: https://twitter.com/Chiesa_O_I

PARTECIPA AL GIORNALE

Sei già registrato?

Accedi con login e password